Machete e coltelli, regolamento di conti al parco vicino al cimitero

Un gruppo di italiani ha aggredito alcuni sudamericani, di mezzo c'è la droga. Due denunciati, si cerca un terzo uomo

gallarate generico

Un diverbio per questioni di droga degenera in una spedizione punitiva con machete e coltelli. Succede a Gallarate, a due passi dal commissariato.

Martedì scorso, verso le 17:00, delle urla provenienti dal vicino parco di via De Magri (quello vicino al cimitero) hanno attirato l’attenzione degli agenti del Commissariato di Gallarate.

Già dalla finestra degli uffici di Via ragazzi del ’99 gli agenti hanno visto un uomo che, armato di coltello, inseguiva un gruppetto di persone che si davano alla fuga.

Gli agenti, intervenuti immediatamente hanno fermato due uomini che hanno subito tentato di dileguarsi. I numerosi testimoni presenti sul posto hanno confermato agli agenti che i due fermati, un trentanovenne di Venegono Superiore armato di coltello ed un quarantaseienne di Gallarate armato di machete, insieme ad un terzo complice – datosi alla fuga prima dell’arrivo della Polizia – armato di un’ascia, avevano minacciato un gruppetto di sudamericani, coinvolgendo nelle minacce anche altre persone che lì stazionavano per non meglio precisati motivi.

Dalle attività d’indagine immediatamente intraprese dalla Polizia è emerso che il violento diverbio fosse probabilmente dovuto ad un regolamento di conti legato alla compravendita di stupefacenti. Un attento sopralluogo sul posto ha consentito di sequestrare un coltello verosimilmente utilizzato per le minacce.

I fermati sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di minaccia aggravata dall’uso delle armi. Indagini in corso per ricostruire al meglio la dinamica dei fatti e l’eventuale coinvolgimento di altri soggetti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore