Lite per una donna, picchia il compagno e distrugge quattro auto

L'uomo, un pregiudicato di 38 anni, è stato arrestato dalla polizia e sarà processato per direttissima

polizia busto arsizio

Poteva essere un normale venerdì sera e invece due uomini ed una giovane donna si sono incontrati sotto casa di lei, per chiarire i propri rapporti, ma le cose sono degenerate. Il bilancio della serata è stato piuttosto pesante: il compagno della donna è stato picchiato e quattro auto parcheggiate in strada sono andate distrutte. È accaduto questa notte a Busto Arsizio. Protagonista un trentottenne italiano, pregiudicato, residente a Gorla Minore, arrestato dai poliziotti del commissariato cittadino.

La ragazza e il suo accompagnatore stavano rientrando dopo aver trascorso una serata in un locale. Ad aspettarli però c’era un “conoscente” della giovane che non appena sceso dall’auto ha sferrato un colpo di bottiglia in testa all’accompagnatore, ferendolo. È così iniziata una colluttazione tra i due, dalla quale entrambi sono usciti con non pochi segni sul corpo. In ospedale, tuttavia, l’aggressore ha rifiutato le cure e ha lasciato la struttura.

Ma la serata non era affatto finita, perché l’uomo lasciato il nosocomio non è tornato a casa, ma è ritornato nei pressi dell’abitazione della donna e ha iniziato a distruggere le auto di lei e dell’amico, per poi proseguire con un’altra vettura parcheggiata vicino. Inoltre non contento di aver rotto finestrini e parabrezza, ha rovesciato dentro l’abitacolo delle auto dei due tutto il contenuto del cassonetto condominiale dell’umido, pronto per essere raccolto questa mattina e si è accanito anche sulla cassetta della posta del condominio, facendola a pezzi.

La volante del commissariato, allertata da un vicino attraverso una chiamata alla centrale operativa, è prontamente intervenuta sul posto e ha colto l’uomo mentre danneggiava ulteriormente le vetture con una rastrelliera per biciclette divelta dalla propria postazione. L’uomo ha pensato di concludere la nottata prima lanciando la rastrelliera contro gli agenti di polizia e poi, raccogliendola immediatamente da terra, lanciandola sul tettino di vetro di una delle automobili, mandandolo in frantumi.

Ricostruita in brevissimo tempo la vicenda, il trentottenne è stato arrestato in flagranza per danneggiamento aggravato continuato e resistenza a pubblico ufficiale. Inoltre, è stato segnalato per art. 75 della legge sugli stupefacenti in quanto trovato in possesso di una dose di hashish. Sarà processato per direttissima.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore