Tutti in piazza con le scuole per dire No al gioco d’azzardo

Studenti e cittadini coinvolti in un progetto educativo e di sensibilizzazione sui rischi del gioco d'azzardo. Eventi in sei piazze della provincia nel mese di novembre

Generico 2018

E’ stata presentata ieri alla scuola Dante di Varese, l’ultima fase del progetto di contrasto al gioco d’azzardo patologico che nel mese di novembre si concluderà con iniziative in sei piazze della provincia di Varese con il coinvolgimento di studenti e cittadini.

Galleria fotografica

Varese - Presentazione del progetto contro il gioco d'azzardo 4 di 6

«Il progetto prevede interventi di sensibilizzazione nelle scuole e nelle piazze del territorio, in collaborazione con la Cooperativa il Sorriso Intrecciteatrali, che svilupperà una serie di azioni dirette sia ai ragazzi e con i ragazzi, sia ai cittadini, perché il fine di questo intervento è la sensibilizzazione del maggior numero di persone suil fenomeno e i rischi delle dipendenze legate al gioco d’azzardo»,  ha detto la referente Maria Rosa Rossi, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo 5 di Varese.

Sei le piazze, tutte molto centrali, che saranno interessate agli eventi: il 12 novembre Luino, il 14 Busto Arsizio e il 15 novembre Gallarate, poi il 23 novembre Saronno, il 27 Sesto Calende e il 30 novembre la conclusione a Varese.

«E’ un progetto molto importante e dalla realizzazione di una complessità impressionante – ha detto il nuovo Provveditore Giuseppe Carcano – ma possiamo dire che è un fiore all’occhiello della scuola varesina se il Ministero ha deciso di investire su questo tema e su questa realtà scolastica».

La complicazione, e la ricchezza del progetto, nascono dal gran numero di enti, soggetti e realtà coinvolte: le scuole, l’università ma anche le strutture socio-sanitarie che erogano servizi e fanno prevenzione in tema di dipendenze, cooperative ed attori che operano nel sociale e nell’ambito educativo, la Provincia, Anci Lombardia, il Tavolo Genitori dell’ASVA (Associazione Scuole Varese), la Rete delle scuoleper la salute e persino la Polizia postale, la Prefettura e il Centro di Promozione della Legalità nella provincia di Varese.

Il progetto si inserisce nelle attività programmate dagli Istituto Polo Formazione e Scuole Polo Ambito 34 e 35, a seguito della Convenzione tra Regione Lombardia e l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia per il sostegno ai progetti di sensibilizzazione nelle scuole sul contrasto al gioco d’azzardo, che negli anni scolastici 2017/2018 e 2018/2019 ha coinvolto l’Isis Valceresio, il Liceo classico Cairoli di Varese, il Liceo Crespi di Gallarate, l’Ic Varese 5 “Dante Alighieri”, l’Isis Sesto Calende e l’Istituto comprensivo di Viggiù con la dirigente scolastiva Rossella Magistro come referente dell’istituto “Polo osservatorio provinciale per il contrasto al gioco d’azzardo”.

Tra le diverse fasi previste ci sono la formazione dei ragazzi sul gioco d’azzardo patologico e la realizzazione di flash mob nelle classi per stimolare l’attenzione e la discussione dei ragazzi su questo tema; la presentazione del progetto a tutta la scuola attraverso un dialogo con i ragazzi che tocca diverse tematiche legate al gioco, dalla parte emotiva (legami, solitudine, malattia) alla parte matematica (calcolo probabilità, dati statistici), e infine  la presentazione del video e del progetto selfie, con la proposta di divulgazione del messaggio condividendo foto e video sui social con #oggitiinsegnoio.

In piazza, nelle sei giornate di interazione con le comunità, l’attenzione verrà sollecitata con un’installazione, uno spazio particolare in cui immergersi per una breve storia di grande impatto emotivo. Infine verrà proposto il video “Gioco a perdere”, un cortometraggio per il
contrasto al gioco d’azzardo patologico girato in Valceresio che vede protagonista l’attore Andrea Gosetti.

di
Pubblicato il 24 ottobre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Varese - Presentazione del progetto contro il gioco d'azzardo 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore