Visita a sorpresa del vicepremier cinese Wang Yi

Il numero due della Repubblica popolare cinese era in missione in Svizzera e sulla strada del ritorno verso Malpensa ha fatto una sosta in città per ammirare la basilica e per un veloce pranzo

Visita vicepremier cinese a Gallarate

Un visita rapida, del tutto inattesa, ma di quelle che si possono segnare negli annali della città.

Questa mattina, verso le 12, a sorpresa, è arrivato intorno alle 12 a Gallarate il vicepremier e ministro degli esteri Wang Yi.

Il numero due di Pechino è sceso dal pullman nero con vetri oscurati e insieme ad altri connazionali cinesi si è infilato nella Basilica di Santa Maria Assunta. Venti minuti dopo la “comitiva” si è accomodata sui tavolini esterni di uno dei bar di piazza Libertà, per un veloce pranzo a base di salumi. Altri venti minuti e poi tutti nuovamente sul pullman in direzione Malpensa.

«Che non si trattasse di un gruppo di normali turisti lo si è subito capito dalla presenza in forze delle auto della polizia e di quelle “civetta” della Digos – spiegano dal Comune – Che fosse arrivato in città qualcuno di importante era ovvio, ma nessuno avrebbe pensato che tra i sorridenti cinesi (una ventina in tutto) ci fosse il vicepremier e ministro degli esteri Wang Yi in persona, accompagnato dall’ambasciatore cinese in Italia Li Junhua e dal console generale di stanza a Milano Xuefeng Song».

Il sindaco Andrea Cassani e l’assessore Claudia Maria Mazzetti hanno approfittato dell’occasione per un veloce saluto, davanti a Palazzo Borghi: «Ho fatto gli onori di casa – ha detto Cassani – Ci siamo trovati questa super delegazione sotto il municipio e come gesto di accoglienza nei confronti degli illustri ospiti mi è sembrato cortese donargli il libro che racconta la storia di Gallarate e una guida della nostra città (con traduzione in inglese)».

Il vicepremier, da parte sua, ha ringraziato il primo cittadino gallaratese e si è complimentato per l’ordine della piazza, per la qualità del cibo appena consumato e per la bellezza della basilica.

Una toccata e fuga non annunciata, quella del numero due della Repubblica Popolare Cinese, decisa sui due piedi: Wang Yi ieri era a Berna per il secondo round strategico tra i ministri degli esteri cinese e svizzero. Oggi, avendo ancora del tempo prima di risalire sull’aereo che lo attendeva a Malpensa, ha scelto Gallarate per la pausa pranzo e per una visita alla basilica appena restaurata.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.