La “stretta mortale” tra l’uomo e il clima al castello di Masnago

Si intitola "L’Uomo cambia il Clima, il Clima cambierà l’Uomo" la conferenza prevista per giovedì 21 alle 17.30 al Castello di Masnago col climatologo Frank Raes

Capire il cambiamento climatico

Si intitola “L’Uomo cambia il Clima, il Clima cambierà l’Uomo” la conferenza prevista per giovedì 21 Novembre 2019, alle 17.30 nella Sala del Camino del Castello di Masnago che vede protagonista  il climatologo Frank Raes.

Raes ha lavorato per molti anni al Joint Research Centre della Commissione Europea (Ispra, VA), dove dirigeva le ricerche sui cambiamenti climatici (1987-2015).

Italia Nostra Varese ha organizzato questa conferenza su un tema di grandissima attualità: le grandi catastrofi di questi giorni a Matera e Venezia non fanno che confermare l’urgenza estrema di prendere provvedimenti risolutivi contro i danni indotti dai grandi cambiamenti climatici che si aggiungono alle altre fonti di degrado che minacciano gli straordinari beni culturali e paesaggistici del nostro territorio.

Questi cambiamenti costringono a ripensare il rapporto dell’uomo con la natura, caratterizzato, nell’era moderna, da cicli autodistruttivi. La sfida che attende tutti consiste nel creare cicli virtuosi, in cui gli esseri umani non agiscano contro la natura, (ma) con la natura, in un rapporto di reciprocità.

Tutti questi argomenti  saranno affrontati nella sede del castello di Masnago, in via Cola di Rienzo 42.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore