Condannato a 8 anni lo stupratore della stazione

Nessuno sconto per il 23enne (se non quello previsto dalla scelta del rito abbreviato). Nel 2018 violentò una sedicenne alla stazione di Saronno Sud e nel 2016 altre due giovani

violenza sessuale stazione saronno

Lo stupratore della stazione di Saronno, il 23enne Domenico Zamattio, è stato condannato dal giudice dell’udienza preliminare Luisa Bovitutti a 8 anni e due mesi di reclusione, 14 mesi in più rispetto alla richiesta del pm Martina Melita. Per lui nessuna attenuante e nessuna infermità mentale. Sei mesi di condanna anche per la fidanzata che, però, se l’è cavata con la sospensione della pena e la non menzione.

L’episodio che l’ha portato in carcere è avvenuto il 23 settembre del 2018 quando attaccò una sedicenne alla stazione di Saronno Sud, dopo averla minacciata dicendole di avere un coltello e una pistola.

Violenza sessuale su minore, un arresto

La ragazza non si fece intimidire dalle minacce e denunciò tutto la sera stessa, dando via alle indagini che portarono all’arresto dell’autore e alla ricostruzione  di altre due violenze sessuali consumate da Zamattio a Gerenzano nel 2016, ai danni di una 24enne e di una 18enne. Il modus operandi era sempre lo stesso: minacciava la vittima, la portava in un luogo appartato e abusava di lei, intimandole il silenzio con la minaccia di picchiarla o farla picchiare dalla sua fidanzata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 gennaio 2020
Leggi i commenti

Video

Condannato a 8 anni lo stupratore della stazione 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore