Un Cavallino Rampante per Rovera: nel 2020 guiderà la Ferrari

Il 24enne varesino è stato ingaggiato dalla AF Corse: disputerà il Tricolore GT, difendendo il titolo Sprint vinto nel 2019. Con lui in abitacolo il comasco Giorgio Roda. «Sono motivato al massimo»

alessio rovera mercedes

C’è la Ferrari nel futuro di Alessio Rovera. Il 24enne pilota varesino, fresco campione italiano nella serie sprint del Gran Turismo, ha firmato per la AF Corse, struttura che fa capo ad Amato Ferrari e che è da molti anni legata a filo diretto con il Cavallino Rampante.

La scuderia piacentina ha ingaggiato Rovera per l’intera stagione del Tricolore GT e quindi per entrambe le serie che compongono il più importante campionato nazionale a ruote coperte: la GT Endurance e la GT Sprint. La vettura – caratterizzata dal numero 71 – messa a disposizione di Alessio sarà la Ferrari 488 GT3 che presenta un motore V8 biturbo da 3,9 litri e che può contare su circa 550 cavalli. Un bolide di altissimo profilo che il talento di Casbeno proverà nei test in pista previsti tra marzo e aprile. Il campionato, invece, scatterà da Monza nel mese di maggio.

Scelto anche il compagno di abitacolo di Rovera per la stagione 2020: si tratta di un altro pilota emergente, il 26enne comasco Giorgio Roda che ha già alle spalle alcune esperienze al volante di una Ferrari 488 e che ha già gareggiato nel 2013 nello stesso team di Alessio. Il binomio lombardo sarà impegnato in entrambe le serie GT, anche se per le gare di Endurance (che hanno una durata di tre ore, contro i 50′ di ogni prova Sprint) sarà inserito un terzo nome.

Chiaro, quindi, l’obiettivo stagionale: ripetere lo splendido 2019, anno in cui Rovera si è laureato campione italiano GT Sprint a bordo di una Mercedes GT3 dell’Antonelli Motorsport. Titolo arrivato due anni dopo un’altra affermazione di rilievo, la vittoria della Carrera Cup Italia 2017. A inizio carriera invece, il 24enne di Varese si era imposto nella Formula Aci-Csai Abarth rivelandosi così al mondo nazionale del motorsport.

«Salire su una Ferrari in un team come AF Corse è motivo di orgoglio e non vedo l’ora di scendere in pista – sono le prime parole ufficiali di Rovera dopo la firma sul contratto – Il tricolore GT è competitivo e non puoi mai mollare, conosco Giorgio Roda che è già stato mio compagno di squadra mentre sarà la mia prima volta in un abitacolo del Cavallino: non avevo mai guidato neppure la Mercedes e lo scorso anno è andata davvero bene, spero quindi di replicare le prestazioni di più alto livello. Penso che la 488 GT3 sia competitiva e AF Corse è una garanzia in questo senso. Dobbiamo ancora scoprire chi sarà il terzo pilota nell’Endurance, ma sono già pronto a lavorare con tutta la squadra e l’obiettivo personale resta invariato. Cercherò sempre di dare il meglio, di segnare pole position e giri veloci e di concretizzare le occasioni che si presenteranno. Sono motivato al massimo, è una grande opportunità anche ragionando in prospettiva oltre 2020, da non sprecare».

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 28 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore