A Como e Varese l’abc della finanza si impara dalle elementari

Negli ultimi tre anni hanno coinvolto quasi 3.000 studenti delle scuole primarie, secondarie e superiori delle province. Tra i formatori anche lavoratori esodati e pensionati in anticipo

Economia generiche

Educare alla finanza già dai banchi di scuola? Si può. Anzi, si deve. È la convinzione dei sindacalisti  della Cisl Scuola e First Cisl dei Laghi (il sindacato dei lavoratori bancari e  assicurativi), che tra Como e Varese negli ultimi tre anni hanno coinvolto quasi 3.000 studenti delle scuole primarie, secondarie e superiori delle province.  Nell’anno scolastico in corso diciotto istituti, 67 classi, per un totale di 400 ore di “Finanza spiegata ai ragazzi”. Un’esperienza – è stato appurato con l’Osservatorio della Bicocca Oneef – che a livello di iniziativa puramente sindacale è unica nel panorama italiano.

«È un’occasione per fornire agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado – spiega Maurizio Locatelli, che per la First Cisl dei Laghi segue il progetto – utili elementi per comprendere come funziona e quali sono le caratteristiche del sistema finanziario anche attraverso la declinazione e traduzione di molti termini tecnici  diventati lessico comune, ma difficilmente comprensibili nel loro vero significato”. Spread, Tan e Taeg, Mifid, Capital gain, insomma, per gli studenti delle 18 scuole coinvolte non sono più “strane parole”. «Il nostro obiettivo – sottolinea Locatelli – è che le nuove generazioni acquisiscano le competenze per assumere in futuro scelte consapevoli in campo economico e finanziario sia come cittadini, sia come utenti dei servizi finanziari».

Il corso fornisce ai ragazzi le nozioni base sul funzionamento del credito e del risparmio attuato anche attraverso l’uso di strumenti finanziari oggi offerti da diversi soggetti, banche o società. Argomenti del corso sono: la moneta e gli altri strumenti di pagamento, il mercato finanziario e il risparmio, i prodotti bancari, l’uso responsabile del denaro. I contenuti e gli obiettivi didattici sono declinati sulla base dei destinatari e vengono definiti in collaborazione con i docenti. Tra i formatori, anche lavoratori esodati e pensionati di aziende del settore finanziario, che prestano la loro docenza a titolo volontario.

Da bancario esodato a insegnante soddisfatto

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore