A Besozzo nasce un percorso di quattordici chilometri nei boschi

Il percorso è stato tracciato in occasione di una gara di MTB ed è accessibile a tutti e si snoda tra Besozzo Superiore e le frazioni di Beverina, Cardana e Bogno

Sentieri di 14 Km a Besozzo

Hanno mappato il territorio scoprendo le vecchie strade di collegamento utilizzare dagli agricoltori. Hanno individuato il sentiero e hanno ripulito quattordici km di boschi. Nasce così un nuovo sentiero in mezzo alla natura che si snoda tra Besozzo Superiore e le frazioni di Beverina, Cardana e Bogno. «Un percorso da percorrere a piedi e in bicicletta – spiega il Vicesindaco e Assessore alle politiche del territorio e opere pubbliche Gianluca Coghetto -. In aprile ospiteremo (emergenza sanitaria permettendo) una gara di MTB, inserita nel circuito del Crosso Country dei parchi. Abbiamo preso “la palla al balzo” e abbiamo mappato il territorio cercando un percorso completamente immerso nel verde».

Galleria fotografica

Sentieri di 14 Km a Besozzo 4 di 7

Una missione che è stata resa possibile grazie a «Alex, un besozzese amante della Mountain Bike che ci ha aiutato a mappare e correggere il percorso. Il risultato? Un percorso per la gara di aprile, ma sopratutto per chi lo vuole percorrere a piedi o in bicicletta».

Per realizzare il nuovo sentiero sono state guardate mappe storiche che hanno permesso di scoprire «un territorio prettamente agricolo, dove le strade sterrate erano le uniche collegamento. L’economia era basata sul sistema delle cascine e tutta la viabilità aveva una sua coerenza. È curioso infatti, che molti anziani utilizzino ancora i nomi delle vecchie cascine per indicare un territorio: cascina Gravezzano, Campaccio, strada consorziale dei  Dureè, strada sotto la Brusa per fare qualche esempio».

Sentieri di 14 Km a Besozzo

Il percorso dunque è ad oggi percorribile e inizia da Via Moncucco: «Lo sforzo successivo sarà quello di allargare il percorso anche sulla Beverina e Besozzo Inferiore. Nel primo caso dobbiamo superare il Bardello e la viabilità statale, nel secondo dobbiamo trovare un percorso che che dalla piazza porti in tutto il nostro territorio». Un lavoro che è stato possibile grazie ad un lavoro coordinato: «Vorrei ringraziare anche la Consulta del PGT che in questi mesi ha lavorato sul tema dei sentieri. Sono stati individuati una miriade di sentieri, molti dei quali contenuti nel percorso. Il corposo lavoro verrà presentato in una serata pubblica prima della apertura della nuova stagione dei gruppi di cammino».

Inoltre, l’assessore Coghetto, ricorda il lavoro fatto in questi anni e sempre destinato a scoprire i nuovi sentieri: «Anni fa, con il gruppo Giovani per Besozzo, abbiamo riaperto una vecchia strada consorziale che partiva da Bogno (località Castelletto) per arrivare nel centro del paese. Tre anni fa, approfittando dei lavori di estensione della rete del gas abbiamo riaperto un vecchio passaggio pubblico, sotto la ferrovia a Cardana, che conduce alla Cascine Pedroni. Con i gruppi di cammino abbiamo riscoperto e mappato alcuni sentieri già esistenti. In ultimo abbiamo riaperto a Bogno la strada Consorziale dei DUReE’ che porta fino al Cardana. Ad Olginasio, abbiamo ripulito il percorso cd delle “case basse”».

di
Pubblicato il 05 Marzo 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Sentieri di 14 Km a Besozzo 4 di 7

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Angela Nuovo

    L’Istituto Rosetum non è in via Monteggia. Da dove inizia esattamente il percorso?

    1. Adelia Brigo
      Scritto da Adelia Brigo

      Buongiorno Angela, il percorso parte da Via Moncucco, grazie

  2. Alex Mtb
    Scritto da Alex Mtb

    Chi l’ ha mappato non si chiama “Max” ma Alex :)

    1. Damiano Franzetti
      Scritto da Damiano Franzetti

      Abbiamo corretto, grazie!

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.