Arturo Ferrarin: da cento anni nella storia dell’aviazione

Il 31 maggio 1920, il pilota atterrò dopo una trasvolata di 18.000 chilometri. Fu uno dei due soli equipaggi a portare a termine il raid aereo Roma-Tokyo

Induno Olona - Arturo Ferrarin

Era il 31 Maggio 1920 quando, accolti da 200 mila persone in tripudio, Arturo Ferrarin e Gino Cappannini posarono le ruote del loro SVA9 sull’erba del Parco Yoyogi .

Si celebra oggi il Centenario di una grande impresa per l’Aviazione: il Raid Aereo Roma-Tokyo portato a termine da solo 2 degli 11 equipaggi partiti dall’Italia dopo 109 ore di volo!

Qui la storia dell’impresa:
https://www.varesenews.it/2020/02/100-anni-dal-volo-roma-tokio-induno-olona-celebra-arturo-ferrarin/904148/

Arturo Ferrarin riposa al cimitero di Induno Olona dove venne sepolto nel 1941 in seguito a un incidente mortale mentre collaudava un velivolo sperimentale. È sepolto insieme alla moglie Adelaide Castiglioni figlia dell’imprenditore Ermenegildo Castiglioni, che a Induno possedeva una villa.

Ferrari, nato a Thiene nel 1895, fu un aviatore di fama.
Insieme a Cappannini decollò per la storica impresa dall’Aeroporto di Roma Centocelle il 14 febbraio 1920 e giunse a Tokyo il 31 maggio percorrendo 18.000km.

A lui sono intitolati le scuole medie di Vengono Inferiore e Induno Olona, l’aeroporto di Venegono Inferiore e la scuola di volo dell’Aeroclub Varese

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore