Tra Golasecca e Somma un piccolo focolaio, si ricostruiscono i contatti

Uno dei punti di origine del contagio è un funerale: dieci positivi, tre persone sono ricoverate in ospedale. Ats sta tracciando i percorsi del virus e da qui sono emersi subito i nuovi casi

Somma Lombardo generiche

Un funerale, una festa insieme, un ambiente pubblico affollato. Può bastare questo a innescare – partendo da un singolo caso – un nuovo focolaio: tra Somma Lombardo e Golasecca ora si lavora per ricostruire i contatti delle persone (dieci in totale, tre in ospedale) che oggi risultano positive al virus.

Può succedere e, in questi casi, serve tracciare e “spegnere” il fuoco del contagio prima che si allarghi. La Ats Insubria, l’articolazione sanitaria territoriale di Regione Lombardia, sta tracciando appunto i contatti sociali delle persone, per capire quali siano i possibili punti di origine del contagio e se ci sono altre persone a rischio: il numero di tamponi è nell’ordine dei cento al giorno, i medici di base sono stati allertati.

Ad accendere la “spia” d’allerta sono stati alcuni casi a Somma: da qui si è partiti e si è arrivati a tracciare il percorso del contagio e a individuare subito nuovi casi di Coronavirus.
Quali sono le origini? Un punto di origine del focolaio sarebbe un funerale di un giovane celebrato alcuni giorni fa, il 9 luglio: in chiesa erano rispettate le norme di distanziamento e tutela reciproca, ma all’aperto il distanziamento era meno rigoroso. Analizzando i contatti si è arrivati appunto subito i nuovi casi.

Per ora i dati sono questi: sette positivi al Coronavirus e venti in osservazione a Somma Lombardo, tre contagiati e due in osservazione a Golasecca. Sono solo questi due i Comuni dove si sono ripresentati i casi, mentre nei Comuni vicini non sono stati notificati ai sindaci nuovi casi (e questo, ovviamente, è un bene). «A Somma su sette casi, sei sono riconducibili a due nuclei familiari» puntualizza il sindaco di Somma Stefano Bellaria. «Il tracciamento di Ats ha consentito subito di individuare i nuovi positivi, anche perché i casi ora sono pochi a livello provinciale e l’analisi fatta da Ats è immediata».

Da un punto di vista dell’incidenza sul numero di abitanti il contagio è più elevato nel paese di Golasecca, anche se comunque si parla di sole tre persone: «Unite da vincoli di parentela» spiega il sindaco Claudio Ventimiglia. «Dei tre infetti uno è stato ricoverato ieri sera in ospedale. Altre due persone sono in quarantena fiduciaria».

Complessivamente su una decina di contagiati ben tre sono finiti in ospedale.

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Aver “diluito” le norme sull’utilizzo della mascherina all’aperto ha contribuito a creare un clima di estrema “rilassatezza” nei confronti di questo virus che ricordiamo non essere magicamente sparito ma che anzi continua a circolare tra di noi.
    Alla giunta lombarda non è bastata l’esperienza di Marzo….è evidente che non ne imbroccano una e la popolazione ha già dimenticato tutto. Andando in giro si vedono troppi comportamenti sprezzanti della salute pubblica nonchè spesso irriverenti e minacciosi verso chi invece, avendo un minimo di cervello in più, non ha cambiato le sue abitudini nell’adottare le buone precauzioni.
    Se andiamo avanti così ad Ottobre ci sarà una nuova ecatombe.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.