Quantcast

È morto Angelo Saggin, “una vita per gli altri con il sorriso”

Instancabile volontario, attivo in Parrocchia e tra le "colonne" della Protezione Civile. Il ricordo commosso di Don Pietro Bassetti

angelo saggin angera

Si è spento all’età di 75 anni, Angelo Saggin, per tutti “Angelino“.

Una notizia che ha commosso la comunità di Angera dove Angelo era molto conosciuto e amato. Impegnato in prima persona nel volontariato e nelle attività della parrocchia, non faceva mai mancare un sorriso o una parola attenta a chi incontrava, in particolare alle persone più bisognose.

«Una vita – ha ricordato il parroco Don Pietro Bassetti – tutta spesa per gli altri: dalla professione di infermiere all’attenzione dei bisognosi a 360 gradi. Sostenitore della Caritas parrocchiale fin dalla nascita di questo organismo, ha affiancato il Centro di Ascolto, fino all’ultimo dedito alla distribuzione dei pacchi alimentari. Attivo nell’Unitalsi e con i malati non solo locali, promotore di iniziative per loro soprattutto di preghiera. Legato ai Guanelliani e cooperatore».

«Chi non lo ricorda – prosegue il sacerdote– il giorno della memoria dell’apparizione di Maria a Fatima (13/5) nell’animazione della preghiera decanale a Barza, a recitare il rosario e a sostenere il canto? Così pure nel servizio liturgico per rendere più belle le celebrazioni, anche nel declamare la Parola di Dio. Disponibile a presenziare ai funerali… Da ultimo, ma non meno importante un valido collaboratore parrocchiale, attento alle strutture, alla Chiesa e alla cura del verde che attornia la casa parrocchiale».

«Era la sua passione essere “contadino”, amante della terra e dei suoi prodotti. E quanti giardini/orti possono vantare di conoscere la sua perizia? Non è da dimenticare la sua presenza attiva anche in ambito civile: appartenente alla Protezione civile… e quant’altro ancora? Il rischio è di dimenticare qualcosa… L’attenzione all’altro, la disponibilità, la cordialità … la “passione per le cose” – forse questo il tratto più caratteristico: sapeva mettere il cuore e la testa – miscelate col carattere che ciascuno possiede evidenziano una persona che non si è “risparmiata” e pertanto rimarrà viva nel ricordo di tanti. Speriamo di esempio anche per le nuove generazioni».

Angelo Saggin è stato ricordato oggi anche dai compagni della protezione civile di Angera, per la quale era un punto di riferimento e dall’amministrazione comunale che ne ha ricordato il valore e l’impegno. «Se ne vanno sempre i migliori… Ma nel tuo caso Angelo è davvero così – ha ricordato l’assessore comunale Antonio Campagnuolo – sempre disponibile con tutti e per tutti, grande e instancabile volontario, tempo infinito dedicato alla nostra comunità. E sempre con il sorriso. Ci mancherai».

I funerali si terranno sabato 19 settembre alle 15 in Chiesa Parrocchiale.

di mariacarla.cebrelli@varesenews.it
Pubblicato il 16 settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore