Antonelli: “Usiamo l’esercito per far rispettare le norme”

Il Presidente della Provincia preoccupato per la situazione negli ospedali: "È peggiore che durante la prima emergenza, Oggi ho sentito 25 ambulanze a Busto Arsizio"

emanuele antonelli

«Sono preoccupato perché i dati sono tantissimi, anche se a me l’allarme non lo danno i dati, ma la situazione in ospedale che è peggio della prima ondata». È il commento del presidente della Provincia di Varese e sindaco di Busto Arsizio dopo la comunicazione serale dei nuovi numeri sui contagi nel Varesotto.

«Quello che è stato fatto non è servito a niente – si sfoga Antonelli -. Mi lamento dei trasporti ma non solo nelle grandi città perché vale anche da noi. Vedo tanti ragazzi senza mascherina e non sono state fatte rispettare le norme, ma non dipende da noi. Abbiamo poche forze e i vigili non possono fare più di quello che già fanno».

Il sindaco bustocco arriva ad evocare l’aiuto dell’esercito: «Usiamo l’esercito perché le regole vanno fatte rispettare – spiega -. Purtroppo, a causa di una catena di ritardi ed errori, rischiamo il lockdown totale cosa che non voglio assolutamente. Abbiamo virologi che dicono tutto e il contrario di tutto. Sono molto arrabbiato per quello che sta succedendo. Oggi ho sentito 25 ambulanze a Busto Arsizio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.