Rally “Due Valli”, doppio assalto tricolore per Crugnola e Miele

Gara valida sia per il CIR in cui Andrea è secondo sia per il CIWRC dove Simone è leader alla vigilia dell'ultima prova. Ecco le loro parole e le indicazioni per capire al meglio la situazione

andrea crugnola simone miele rally

Il “Due Valli” che si disputa sabato 24 ottobre (lo shakedown è venerdì 23) sulle strade della provincia di Verona è valido e decisivo per i due principali campionati italiani di rally, ovvero il CIR (ovvero il tricolore assoluto) e il CIWRC (il campionato che ammette in gara anche le vetture Wrc simili a quelle utilizzate nel mondiale). Entrambe le competizioni si disputano sotto l’egida di Acisport e assegnano, di fatto, uno “scudetto” al pilota in grado di aggiudicarsi la graduatoria finale. Ed entrambe vedono in lizza per il successo finale un alfiere della provincia di Varese. Per orientarci meglio, cerchiamo di spiegare quello che può accadere e come leggere le classifiche della gara veneta.

COME LEGGERE LE CLASSIFICHE FINALI

Vale la pena, innanzitutto, capire come andrà letta la classifica finale del “Due Valli”: al termine della gara sarà stilata un’unica graduatoria – e il primo equipaggio sarà quello che tecnicamente “ha vinto la gara” – però nell’elenco ci saranno sia i partecipanti al CIR, sia i partecipanti al CIWRC, sia alcuni piloti (come il finlandese Huttunen) che non fanno parte di alcune classifica tricolore. Non è possibile gareggiare (in questa gara) per entrambe le competizioni.
Ciò vuol dire che CIR e CIWRC assegneranno i punteggi validi per le rispettive classifiche come se i piloti dell’altra serie non esistessero. Se – per esempio – il migliore tra gli iscritti al Ciwrc arrivasse quinto, prenderebbe il bottino pieno per la propria categoria.

CIR, TESTA A TESTA TRA BASSO E CRUGNOLA

L’annullamento del Rallye Sanremo causa maltempo ha di fatto assegnato a tutti i piloti un risultato (zero) da scartare al termine del campionato, un challenge articolato su sette prove con cinque punteggi validi ai fini della classifica. In testa c’è Giandomenico Basso sulla Polo Volkswagen R5 con il nostro Andrea Crugnola al secondo posto: il pilota varesino ha vinto tre delle quattro prove disputate (Roma2, Ciocco e Targa Florio) ma ha uno zero in classifica che non gli permette di presentarsi a Verona da leader della classifica. La lotta per il titolo tricolore sembra confinata ai soli Basso (navigato da Lorenzo Granai) e Crugnola che gareggia con il team F.P.F. Sport, privato ma “vicino” alla casa madre francese.

Il “Due Valli” è la penultima prova del CIR che si concluderà con il Tuscan Rewind in programma tra un mese; il coefficiente per la gara veneta è “1” e quindi i punteggi assegnati sono quelli tradizionali (15 al primo, poi 12, 10, 8, 6…), motivo per cui non sarà ancora decisivo per consegnare lo scudetto all’uno o all’altro pilota. Piuttosto, gli inseguitori (Re, Michelini, Albertini…) devono sfruttare l’occasione se vogliono tornare in lizza visti poi i punteggi maggiorati al Tuscan.

Crugnola parte da favorito per la vittoria del “Due Valli” visto il ruolino di marcia recente e visti i risultati nelle ultime due edizioni (primo nel 2019, secondo nel 2018). «Sarà una gara più complicata del solito, perché le previsioni del tempo parlano di pioggia e perché l’ultimo giro di speciali sarà tutto con il buio – spiega Crugnola – Per la classifica è un appuntamento cruciale, dobbiamo puntare alla vittoria anche perché noi non abbiamo più risultati da scartare. Siamo riusciti a fare un test lunedì qui a Verona ed è andato bene, anche se abbiamo provato sull’asciutto. Però è sempre meglio fare chilometri e stare in macchina, quindi è stata una cosa positiva. Proveremo a fare risultato, ricordandoci che oltre a Basso ci sono tanti piloti in grado di fare bene, da Albertini a Scandola e altri ancora».

Nella gara del CIR c’è anche la presenza del gaviratese Riccardo Pederzani, al via su una Ford Fiesta R2 in lizza per il campionato Junior nel quale è attualmente al sesto posto.

CIR CLASSIFICA
Dopo 4 gare: 1) Giandomenico Basso (Vw Polo R5) 49; 2) Andrea CRUGNOLA (Citroen C3 R5) 45; 3) Alesssandro Re (Vw Polo R5) 25; 4) Rudy Michelini (Vw Polo R5) 24; 5) Stefano Albertini (Skoda Fabia R5) 22.

CIWRC, SI ASSEGNA IL TITOLO. MIELE CI PROVA

Il “Due Valli” è la quarta e ultima gara stagionale del CIWRC che quindi assegnerà il titolo a Verona. Tre i piloti rimasti in lizza per la vittoria finale e tra questi c’è il nostro Simone Miele, da Olgiate Olona, affiancato dal navigatore luinese Roberto Mometti. I punti in palio sono maggiorati perché la gara veneta ha “coefficiente 1,5” (quindi il vincitore ottiene 22,5 punti contro i consueti 15; il secondo 18, il terzo 15, il quarto 12…). Il regolamento prevede che ogni concorrente sommi i tre migliori risultati su quattro gare in calendario e questo costringe team e tifosi a osservare quel che succede con la calcolatrice in mano.

Miele si presenta al “Due Valli” da leader della classifica con 28 punti, 4 in più di Luca Rossetti e 8 in più di Corrado Fontana. Assente per problemi di salute (che non c’entrano con il Covid) Luca Pedersoli, attualmente al terzo posto. Simone guiderà la Citroen Ds3 Wrc della DreamOne Racing ma è all’esordio assoluto su queste strade, dove invece Rossetti (Hyundai i20 R5, navigatore Manuel Fenoli) ha già vinto due volte.

«Siamo tranquillissimi – spiega alla vigilia – come al solito. Abbiamo tutto da vincere e tutto da perdere allo stesso tempo, ma siamo in un anno talmente strano che è difficile fare previsioni. Non conosco assolutamente questa gara ma proverò a fare il mio dovere: è un rally tantissime vetture, prove corte, con relativamente pochi chilometri di speciali, ma staremo in ballo dal mattino presto a tarda sera. Tutte variabili che conteranno. Però in tutte le precedenti occasioni siamo stati sempre al livello dei migliori, quindi non ci tiriamo certo indietro».

Attenzione, per il campionato, a Corrado Fontana e Nicola Arena (Hyundai i20 Wrc): in caso di vittoria, il titolo andrebbe a loro. Se invece vincesse Rossetti, Miele diventerebbe campione con il secondo posto per via del gioco degli scarti. Occhio anche ad Andrea Carella (Skoda Fabia R5) o Luca Hoelbling (Hyundai i20 R5) che potrebbero sottrarre punti ai candidati al titolo se dovessero inserirsi nella lotta al podio della gara.

CIWRC – CLASSIFICA
Dopo 3 gare: 1) Simone MIELE (Citroen Ds3 Wrc) 28 (-4); 2) Luca Rossetti (Hyundai i20 R5) 24 (-6); 3) Luca Pedersoli (Citroen Ds3 Wrc) 23 (0); 4) Corrado Fontana (Hyundai i20 Wrc) 20 (0); 5) Craig Breen (Hyundai i20 R5) 15 (0).

LA GARA: NOVE PROVE IN UNA GIORNATA

Sono nove le prove speciali in programma al “Due Valli”, tutte compresse in una lunghissima giornata di sabato con la partenza che sarà data alle 7 del mattino e l’arrivo allo stadio di Verona verso le 21,25. Tre i tratti su cui i piloti si daranno battaglia: il “Cà del Diaolo” è il più lungo, 14,3 chilometri e sarà seguito dal “Santissima Trinità” (9,7 Km) e dal “Porcara” accorciato a soli 4,2 Km.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 22 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.