Liberata dalla protezione civile la “Cavona – Rancio“

Il lento ritorno alla normalità dopo la tempesta del mese scorso che ha distrutto diversi boschi

Valcuvia: protezione civile in azione per liberare i sentieri

Grossi alberi caduti a terra e che impedivano di percorrere i sentieri del fondovalle: la tempesta di ottobre ha picchiato forte anche nella zona di Cuveglio, tanto che in questi giorni si sono completati alcuni lavori nei boschi dei due paesi grazie allimpegno dei volontari del gruppo “Intercomunale Valcuvia”.

Galleria fotografica

Valcuvia: protezione civile in azione per liberare i sentieri 4 di 9

In particolare le squadre divise su interventi di più giorni sono entrate in azione sulla strada carrabile forestale che collega la frazione di Cavona con rancio Valcuvia.

Si tratta di una zona di grande fascino, fra alberi e la natura del fondovalle però impossibile da percorrere a causa delle diverse piante cadute.

Ota il tratto è interamente percorribile e nel corso dei lavori i volontari sono intervenuti anche sul torrente Boesio per liberare il greto da una ostruzione.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Novembre 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Valcuvia: protezione civile in azione per liberare i sentieri 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.