Varese News

Società recupero crediti, anche il debitore ha i suoi diritti

Quando ci si trova a non riuscire a saldare delle fatture o a pagare qualsivoglia prestazione, si diventa debitori verso qualcuno o qualcosa. Questa condizione, non certo piacevole non priva però di alcuni diritti riconosciuti dalla legge

credit

Quando ci si trova a non riuscire a saldare delle fatture o a pagare qualsivoglia prestazione, si diventa debitori verso qualcuno o qualcosa. Questa condizione, non certo piacevole non priva però di alcuni diritti riconosciuti dalla legge. Se per recuperare i propri soldi il creditore si rivolge, per esempio, a una società di recupero crediti, questa nello svolgere la propria attività non può valicare determinati confini dettati dalla legge. Confini che, se superati andrebbero a ledere ai diritti del debitore.

Cosa può (e non può) fare una società di recupero crediti al telefono

Il primo diritto del debitore è nella trasparenza dell’interlocutore. Infatti, nel caso il recupero crediti contatti il moroso per esempio da un call center, il numero da cui si effettua la chiamata deve sempre essere visibile e mai oscurato, così da permettere una corretta identificazione della società che sta effettuando la telefonata.

Restando in tema di approccio telefonico e di trasparenza, l’operatore che effettua la chiamata deve farsi riconoscere univocamente, dichiarando il proprio nome e cognome e la società per cui lavora. Il tutto, ovviamente, evitando di attribuirsi titoli di cui non dispone. Senza consenso, il call center non può registrare la telefonata, cosa che invece può liberamente fare il debitore.

Altri aspetti da considerare in tema di telefonate sono gli orari, il numero di telefono e le ripetizioni. Partendo proprio di quest’ultimo punto, è concessa una telefonata ogni due giorni, da effettuare solo presso il domicilio del debitore e mai dal sabato pomeriggio al lunedì mattina, nei festivi o fuori dagli orari ordinari di lavoro.

Approccio verbale, privacy e rischi

Passando al vero e proprio approccio verbale, l’operatore preposto al recupero crediti non può rivolgersi al debitore utilizzando un linguaggio aggressivo. Nel caso ciò accadesse, e dovesse ripetersi, la società recupero crediti rischierebbe di andare incontro all’accusa di stalking. Inoltre, essendo inquadrati come dipendenti privati, gli impiegati di una società di recupero crediti non possono opporsi qualora il debitore dovesse rifiutarsi di rispondere al telefono o di aprirgli la porta di casa.

In tema di privacy sui dati sensibili, il debitore gode di tutti i diritti previsti dalla legge per qualsiasi cittadino. Quindi, la società recupero crediti non può in alcun modo passare i dati in suo possesso a parti terze, specie in tema di situazione debitoria.

Anche quando una pratica passa di mano, per esempio da una società di recupero crediti a un’altra o semplicemente quando il creditore la cede a una società recupero crediti, il debitore ha il diritto di essere informato circa tale trasferimento.

Diritti e doveri, ma con i giusti alleati

Infine, ogni debitore ha la facoltà e il diritto di richiedere un estratto cronologico di conto, attraverso cui ricavare gli interessi convenzionali, moratori e legali e verificarne la corretta valutazione. Ottenuto l’estratto conto è buona norma affidarne la revisione a uno specialista del settore, che potrà accertare l’assenza di prassi come l’usura errori di calcolo o anatocismo (cioè, che non sussistano calcoli degli interessi sugli interessi già pagati su una somma dovuta).

La legge riconosce dunque al moroso non pochi diritti per tutelarsi in tema di privacy e rispetto della propria libertà. Qualora, l’operatore del recupero crediti o il creditore non dovesse rispettare questi limiti, andrebbe incontro a conseguenze civili e penali. Per tutelarsi al meglio ed evitare tutto ciò è buona norma scegliere il partner giusto per cercare di risolvere le proprie problematiche in tema di riscossione crediti.

Parte del Gruppo internazionale WCM, ADV Trade è la società di recupero crediti leader che offre consulenza per il recupero in Italia e all’estero, oltre a poter garantire il migliore servizio sul mercato per il credit management di professionisti e aziende, soluzioni per la prevenzione del rischio di credito, azioni di riscossione crediti non giudiziali o con l’intervento di avvocati specializzati, fino all’acquisto pro soluto. Una società di gestione creditizia in grado di offrire un ampio ventaglio di strategie per il controllo e il recupero del credito commerciale e privato insolvente, costruite in base alle singole esigenze dei clienti con l’obiettivo di minimizzare le tempistiche di incasso e accrescere i risultati.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 13 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.