Antisportivo a Scola, il comunicato degli arbitri: “Decisione corretta”

Il Comitato dei fischietti ha deciso di pubblicare una nota ufficiale per spiegare la decisione presa nel finale di partita di domenica

Openjobmetis Varese - De\' Longhi Treviso 79-80

L’ultima sconfitta casalinga della Openjobmetis continua a far parlare, non solo perché Varese si trova all’ultimo posto in classifica, ma anche per l’antisportivo fischiato a 18 secondi dalla fine a Luis Scola, decisione degli arbitri – con tanto di instant replay – che di fatto ha condizionato la gara e permesso a Treviso di compiere il definitivo sorpasso sui biancorossi.

A fine gara il general manager varesino Andrea Conti ha protestato a lungo – subendo una multa salata da parte del giudice sportivo – e poi ai microfoni ha rincarato la dose definendo la scelta dei direttori di gara «agghiacciante».

Il discorso è proseguito anche oltre la gara: antisportivo sì o no? Nella serata di mercoledì 30 dicembre è arrivato anche la nota ufficiale del Comitato Italiano Arbitri che ovviamente difende l’operato dei “fischietti”.

Il comunicato:

Il Comitato Italiano Arbitri, viste le varie interpretazioni (anche da parte di tesserati) apparse sugli organi di informazione sull’episodio avvenuto in occasione della gara di serie A maschile tra Openjobmetis Varese e De’Longhi Treviso dello scorso 27 dicembre, intende chiarire quanto segue:

A 18 secondi dalla fine della gara, il giocatore n. 4 bianco commette un fallo personale contro il giocatore n. 21 azzurro che viene dagli arbitri prontamente sanzionato. Gli stessi decidono di ricorrere all’utilizzo dell’Instant Replay System e dopo avere verificato le immagini, in ossequio al regolamento FIBA, decidono l’upgrade, trasformando il fallo da personale in antisportivo.
La decisione arbitrale è corretta in quanto la condotta del giocatore che ha commesso il fallo è riconducibile a due dei cinque casi presenti nel regolamento FIBA (che di seguito riportiamo) e che prevedono la sanzione da parte degli arbitri di un fallo antisportivo:

“Art. 37.1
Un fallo antisportivo è un contatto falloso di un giocatore che, a giudizio dell’arbitro, è:
• Non un legittimo tentativo di giocare direttamente la palla nello spirito e nell’intento delle regole.
• Un contatto eccessivo, duro causato da un giocatore in un tentativo di giocare la palla o un avversario.”

A maggior chiarimento precisiamo che il voler commettere un fallo rientra nella tattica di gioco messa in atto da una squadra, ma esso deve rispettare i canoni stabiliti dal regolamento.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.