Due universitari varesini presentano un esposto contro il Governo: “I vostri DPCM non sono corretti”

Si tratta di Stefano Angei e Simone Mansori: "Ma abbiamo già predisposto una email perchè altri ci seguano, in altre procure"

Stefano Angei e Simone Mansori presentano un esposto contro i DPCM del governo

Questa mattina, 15 dicembre 2020, davanti al palazzo di Giustizia di Varese, si sono presentati Stefano Angei e Simone Mansori per recarsi in procura a depositare un esposto contro le azioni del Governo di questi ultimi giorni e i DPCM del Premier Conte.

A spingerli, la voglia di chiarire dei passaggi del DPCM che, alla luce dei freschi studi giuridici, ai due ragazzi proprio non tornano: Mansori, di Sesto Calende, si è laureato in giurisprudenza all’Insubria in pieno lockdown e ora è praticante in uno studio di avvocato a Varese, mentre Angei, varesino, è laureando in Giurisprudenza nella stessa università.

«Pensiamo che quanto previsto dall’ultimo Decreto Legge e dall’Ultimo DPCM non rispetti pienamente i dettami Costituzionali» ha precisato Simone Mensori.

«Sicuramente, a parer mio è stata violata la Costituzione – sottolinea Stefano Angei, dal quale è partito l’impulso iniziale per redigere l’esposto – sono di fatto stati compressi ed in alcuni casi addirittura sospesi alcuni diritti fondamentali ben delineati dalla nostra Carta Costituzionale, che ricordiamo».

Una compressione che, secondo loro, va al di là di quello che consente lo stato di Emergenza, in cui l’Italia vive in questo momento di pandemia: «Tra gli aspetti centrali dell’esposto ritroviamo l’inidoneità dello strumento del DPCM a comprimere libertà costituzionalmente garantite, trattandosi di atto meramente amministrativo, ma anche il mancato bilanciamento dei diritti fondamentali: ad ogni diritto negato, anche in questi stati di emergenza, deve corrispondere un vantaggio proporzionato».

«Non abbiamo fini politici, ma siamo interessati esclusivamente agli  aspetti di natura giuridica» precisa Angei: una precisazione necessaria, visto che proprio il suo è nome già noto per essere stato responsabile dei giovani della Lega di Varese fino a un paio di anni fa.

Naturalmente: «Teniamo a specificare di non voler in alcun modo negare la grave situazione emergenziale in cui ci troviamo a causa della pandemia Covid – spiegano, parlando all’aperto e indossando correttamente le mascherine –  ma riteniamo necessario un vaglio sulla correttezza giuridica delle azioni del governo».

Quella che ora è iniziativa di due giovani, vuole inoltre diventare una proposta collettiva: per questo hanno istituito una email, legge.giusta.varese@gmail.com, che permette di ottenere una copia dell’esposto, «Così da consentire a tutti i cittadini che lo volessero, di presentarlo in altre Procure» spiegano.

«La nostra speranza – Conclude Angei – È che il nostro intervento possa portare la Corte Costituzionale, organo massimo di garanzia, ad esprimersi sulla costituzionalità o meno di questi atti. Così da dissipare ogni dubbio ed eventualmente profilare una linea corretta di movimento».

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 15 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. flyman
    Scritto da flyman

    E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Articolo 3
    Articolo 4
    La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

    Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. secondo me la costituzione è diventata un optional oppure dobbiamo fare esposti per ogni articolo.

  2. Scritto da lenny54

    Tutto il mondo e’ impegnato al contrasto di questa pandemia e loro trovano il tempo i disegnare i puntini sulle “i”. Bravi! Avranno un radioso futuro politico!

  3. Mimimmo
    Scritto da Mimimmo

    Per fortuna che sono arrivati questi due fenomeni ad illuminarci…

  4. Scritto da Felice

    Si chiama visibilità mediatica. E l’hanno ottenuta con motivazioni sindacabili.
    Complimenti, comunque io son convinto che se fosse stato un governo di centro-destra questo esposto non sarebbe mai nato. A pensar male ci si azzecca. Ed un altro tribunale è stato ancora di più caricato di cause inutili.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.