Furti nel Luganese, arrestate tre donne

Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di furto, danneggiamento, violazione di domicilio e ricettazione

Polizia cantonale

Il Ministero pubblico, la Magistratura dei minorenni, la Polizia cantonale e la Polizia della città di Lugano hanno arrestato una 39enne cittadina rumena residente in Germania, una 21enne cittadina rumena residente in Francia e una 16enne sedicente cittadina irlandese senza fissa dimora.

Le tre donne, a bordo di un’auto con targhe francesi, sono state fermate in via Brentani da agenti della Polizia della città di Lugano.

La perquisizione del veicolo ha permesso di rinvenire attrezzi da scasso nonché merce di dubbia provenienza (gioielli, monete da collezione in argento, banconote da collezione e numerosi francobolli). Sono sospettate di aver effettuato dei furti in Svizzera. Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di furto, danneggiamento, violazione di domicilio e ricettazione. La 39enne e la 16enne devono anche rispondere di entrata, partenza e soggiorno illegali. L’inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Roberto Ruggeri e dalla Magistratura dei minorenni.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.