Disguidi nel sistema di convocazione per le vaccinazioni: all’ospedale di Cittiglio si presenta 1 su 5

Nuovi problemi nel sistema di prenotazione. Oltre agli anziani convocati da Gavirate a Menaggio, al presidio di Cittiglio non si presentano i convocati perché non ricevono il messaggio di convocazione

centro vaccinale cittiglio

Ci sono anziani che devono farsi 100 chilometri per andare a farsi vaccinare e sedi dove non va nessuno.
Nuovi disguidi nella campagna vaccinale in corso. Il consigliere regionale del PD e capodelegazione in Commissione sanità Samuele Astuti denuncia la mancanza di convocazioni all’ospedale di Cittiglio: « Su 100 persone attese per la vaccinazione ne arrivano in media 25. Succede in molti punti vaccinali della regione  e non perché le persone  fuggano dalla somministrazione e non per mancanze del personale sanitario,  che, anzi,  sopperisce in ogni occasioni alle mancanze del sistema ma perché in realtà non hanno mai ricevuto la convocazione  che ai punti vaccinali risulta inviata».

Il caso particolare è l’ospedale di Cittiglio dove il sistema centralizzato di Aria non convoca le persone, oppure le spedisce da Gavirate a Menaggio: « Al centro vaccinale di Cittiglio, ad esempio,  erano previste  per la vaccinazione 120 insegnanti ieri ne sono arrivati 25 e oggi 26. Gli operatori non avevano a disposizione alcuna lista dei cittadini attesi e quindi non potevano neppure recuperarne il contatto».

Ma anche quando arrivano le convocazioni, come hanno lamentato tante famiglie, sono tardive: «Gli sms  di conferma- afferma il consigliere dem- arrivano a tarda sera per il giorno dopo,  il che mette in seria difficoltà molti anziani  che non  riescono a organizzarsi per raggiungere il punto vaccinale.  E questo mentre  ad oggi la percentuale degli over 80 vaccinata è ferma la 19% mentre nel Lazio, solo per fare un esempio, è oltre il 43%».

centro vaccinale cittiglio

«Le prenotazioni saltate- sottolinea Astuti- inoltre comportano uno spreco di vaccini, visto che Moderna e Pfizer,  una volta scongelati, hanno una durata limitata. Questo senza dire della pessima distribuzione delle chiamate: basti pensare che un insegnante di Varese, che insegna a Saronno, è stato convocato solo il giorno primo della somministrazione al punto vaccinale di Como. E questa senza possibilità di cambiare la sede perché  revoche e spostamenti possono essere fatti solo tre giorni prima dell’appuntamento. Lo stesso è accaduto ad alcuni docenti di Tradate mentre alcuni anziani della zona limitrofa a Varese sono stati convocati a Menaggio. È evidente- conclude Astuti-  che l’organizzazione  è in tilt e l’informazione confusa. Per questo chiediamo alla Regione di chiarire cosa devono fare i cittadini che hanno già prenotato il vaccino sulla piattaforma di Aria e  se possono considerare la prenotazione conclusa perché il sistema è ancora attivo o devono rifare la prenotazione sulla piattaforme di Posteitaliane . Chiediamo, inoltre, di sapere che ne è delle dosi Pzifer e Moderna rimaste inutilizzate».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.