Concluso il sottopasso della ciclopedonale di Besozzo

L'opera permette di collegare il parco pubblico al percorso pedonale lungo il fiume Bardello, dal centro del paese. Intanto, continuano i progetti di riqualificazione di altre aree

Generica 2020

Concluso il sottopasso della ciclopedonale di Besozzo. Si tratta di un’opera che permette il collegamento tra il parco pubblico e il percorso che affianca il Bardello, evitando ai cittadini di dove attraversare la strada.

Il sottopasso, voluto dall’amministrazione comunale, è già molto utilizzato dagli amanti delle passeggiate che grazie a questo opera possono partire dal centro del paese e, volendo, arrivare fino a Gavirate e quindi percorrere la ciclopedonale del Lago di Varese. «Abbiamo monitorato le affluenze e sono già quasi seicento le persone che hanno usato il sottopasso. Mai come in questo momento gli spazi aperti risultati strategici», spiega il vicesindaco Gianluca Coghetto che ha voluto l’opera, all’interno di un più ampio progetto di riqualificazione ambientale e di recupero di aree verdi all’interno del comune.

Guardando verso il Nord della provincia, inoltre, verrà realizzato un tratto di ciclabile che da Besozzo porterà fino a Gemonio. Da lì la possibilità di collegarsi alla pista ciclopedonale che arriva fino a Laveno Mombello.

«Da quando abbiamo avviato delle modifiche al PGT nel 2017, abbiamo maturato la convinzione che l’area compresa tra l’ex fabbrica del Sonnino, il tratto di fiume Bardello e l’ex Cartiera deve essere il nucleo rigeneratore di tutto il territorio. È quella l’area sulla quale scommettiamo per cambiare Besozzo», continua Coghetto spiegando il progetto nel suo complesso.

In questi anni, infatti, l’amministrazione ha lavorato su diversi fronti per recuperare aree prima dismesse o riqualificare tratti naturali. Il fiume Bardello, in particolare, è al centro di un progetto che ha visto prima il contenimento degli argini, l’eliminazione degli scarichi nel fiume e quindi la costruzione di un percorso pedonale che lo affianca.

Generica 2020

«Se guardo al 2030 mi piacerebbe pensare ad una Besozzo che ha raggiunto gli obiettivi di Agenda 2030 (l’agenda per lo sviluppo sostenibili promossa dall’Onu)», continua Coghetto, sottolineando anche gli altri progetti in atto, tra cui la riqualificazione dell’ex Cartiera, recentemente acquistata dal comune al prezzo simbolico di un euro, ma anche il Sonnino. «Sarebbe bello poterlo trasformare in una scuola». Il progetto dunque, continua, passo dopo passo.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.