Ciclisti investiti alla Schiranna

Sono stati trasportati in codice giallo un uomo e una donna sbalzati dalla sella mentre percorrevano la provinciale SP1

incidente bicicletta

Brutta caduta per due ciclisti che percorrevano la Provinciale del Lago in località Schiranna. Per cause al vaglio delle forze dell’ordine chiamate sono stati investiti da un furgoncino che procedeva nella stessa direzione.
Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 che hanno soccorso una donna di 29 anni e un uomo di 31 trasportati in codice gialle all’ospedale di Varese. Le indagini affidate agli agenti della Questura.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 15 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MarcoCadrezzate76

    Mi spiace per ciclisti ma….hanno costruito le piste ciclabili, pagandole care, utilizzatele!!!
    E abbiate l’intelligenza di rispettare il codice e non occupare tutta la strada !!!

  2. Scritto da Viacolvento

    Più che un invito, l’uso delle ciclabili è un obbligo stabilito dal codice della strada, che nessuno fa mai rispettare.

  3. Scritto da Felice

    L’uso delle ciclabili non è un obbligo nel caso in cui la ciclabile stessa non è esclusivamente riservata alle biciclette ma consente un utilizzo misto tra pedoni e cicli con nemmeno le corsie limitatrici per le due categorie di utenti.
    ” non può considerarsi quale pista riservata alla circolazione dei velocipedi, secondo la definizione di cui all’art. 3, c. 1 n. 39 del Nuovo Codice della Strada (D.Lvo n. 285/1992), proprio perché ammette la circolazione promiscua di velocipedi e di pedoni. Pertanto, per essa, non sussiste l’obbligo di cui all’art. 182 c.9 del Codice.”

    In ogni caso è vero che alcuni ciclisti in gruppo non rispettano il codice della strada ma ciò non autorizza ad investirli o a fare sorpassi “provocatori” come molto spesso gli automobilisti fanno. Possibile che in questo paese quando si parla si strada è guerra aperta tutti contro tutti?

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.