Matteo Bianchi contro Fedez: “Spocchioso, arricchito e maleducato”

Su Facebook la critica del deputato leghista

fedez concerto primo maggio

Anche il deputato leghista Matteo Bianchi interviene a commento dell’intervento di Fedez durante il concerto del Primo Maggio.

Scrive Bianchi su Facebook: “Fedez è un poveretto spocchioso e maleducato, arricchitosi grazie ad una società malata: contravvenendo alle regole Rai (perché le regole non le fa lui)”

“Ha sfilato con il cappellino Nike, dimenticando la tempesta di polemiche sullo sfruttamento del lavoro minorile in Cambogia che investì proprio quella multinazionale. Chi ha consentito a Fedez di fare pubblicità alla Nike? Chi gli ha consentito di privare della libertà di espressione chi non la pensa come lui, nel rispetto della legge?”

Guarda il post su Facebook

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Ah…le famose regole di “mamma” RAI….ovverosia il verminaio politico a fasi alterne e tutt’oggi sotto la regolamentazione censoria di regime centro-destra.
    Le famose regole di mamma RAI che non si fa problemi a mandare in onda le regole per fare la spesa in maniera “intrigante” riducendo la donna a semplice domestica un pò puttana all’occorrenza.
    Oppure la infausta e pessima e triste battuta del giornalista sportivo sul pilota di Rally Ott Tanak “Donna nanak tutta Tanak”.
    Ma non dimentichiamoci anche Friedman che apostrofò la moglie di Trump definendola “escort”. Ma non fraintendete…è il classico rispetto delle donne e delle minoranze in RAI.
    Ma andiamo avanti …le famose regole di mamma RAI che arriva a censurare “The Wolf of Wal Street” di Martin Scorsese.
    Sapete che vi dico…che per me la RAI è da bonificare considerando anche che le paghiamo il canone da anni.
    Ridursi a criticare Fedez sul cappellino Nike dimostra che non ci sono più argomentazioni. Non che mi stia simpaticissimo ma semplicemente vi ha asfaltato….

  2. PaoloFilterfree
    Scritto da PaoloFilterfree

    Che Fedez si sia arricchito grazie ad una società malata, in linea di principio, possiamo anche condividere. Del resto, è la stessa società che da voce a partiti politici che, in una società sana, non avrebbero diritto d’esistere.

  3. Scritto da carlo196

    Chi legge i miei commenti ha ormai capito che sono “antileghista” per motivi ideologici non approvando i loro vari slogan ecc., ma, in questo caso condivido al 100% quanto esposto da Matteo Bianchi. Fedez ha approfittato della sua posizione per intervenire su un argomento che non aveva niente a che fare con la festa dei lavoratori e, soprattutto, sull’intera platea di quelli che sono in difficoltà e non solo chi gravita nel mondo dell’intrattenimento.

    1. Scritto da Felice

      @carlo196

      Anch’io non sono propriamente simpatizzante Salviniano Diciamo che Fedez ha sicuramente violato la legge pubblicando la registrazione della telefonata con i responsabili RAI. Non è vietato registrare una comunicazione, lo è invece diffonderla fuori dalle aule di tribunale all’interno di un processo. In questo caso Fedez ha commesso reato ma dubito che per personaggi dello spettacolo come lui si applichi rigorosamente la legge. La RAI sicuramente non farà denuncia sarebbe un ulteriore danno di immagine che andrebbe ad aggravare la situazione.
      E’ vero che il contesto del 1° Maggio non è propriamente adatto per portare avanti una battaglia comunque condivisibile ma è proprio la reazione dei vertici RAI che dovrebbe indurci a capire che forse in questo paese è necessario avere personaggi che parlano fuori dai denti , abbandonando il politically correct ed il favoritismo. Certo ci si aspetterebbe un discorso del genere da parte di qualche giornalista e non da un rapper legato al mondo dello spettacolo.
      Non considero il discorso di Fedez del tutto fuorviante in quanto la tutela del lavoro passa in primis dal rispetto della persona indipendentemente dalle sue scelte politico, religiose, personale e sessuali. Sarebbe stato perfetto se lo avesse collegato al mondo del lavoro riportando esempi concreti di discriminazioni, licenziamenti e trattamenti differenti. Purtroppo ha fatto una battaglia a metà…solo accennata e forse troppo concentrata verso un solo partito anche se in quel partito di esempi di linguaggio violento, offensivo e razzista abbiamo a disposizione fin troppi esempi. Dalla

  4. Alberto Gelosia
    Scritto da Alberto Gelosia

    Il comizio di Fedez lo ho sentito, quindi è stato trasmesso, quindi NON è stato censurato.
    Se per censura si intende il manifestare l’opinione, non vincolante, sull’opportunità o meno di trasmettere qualcosa, vuol dire che siamo veramente alla frutta come paese democratico.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.