Proteste degli animalisti contro i cacciatori che si mettono a disposizione per abbattere i cinghiali

Gli ambientalisti radicali di “Centopercentoanimalisti“ contestano i metodi per la riduzione della specie: “I problemi non si risolvono uccidendo“

cinghiali

Troppi cinghiali, i cacciatori si mettono a disposizione per poterli abbattere, e gli animalisti insorgono.

La questione della fauna selvatica rappreenta uno dei temi caldi che riguardano non solo le valli, ma anche l’ambiente urbano: senza andare nelle grandi città, qualche tempo fa fecero il giro del web le immagini di cinghiali a passeggio fra i condomini di Villa Toeplitz, nella zona di Sant’Ambrogio a Varese.

E così diverse altre segnalazioni arrivano di tanto in tanto veicolate proprio dai social e anche dal nucleo ittico venatorio della polizia provinciale spiegano come il cinghiale rappresenti una specie molto diffusa e sovente vittima di incidenti stradali con danni.

Lamentele sulla presenza degli ungulati nei campi arrivano da Coldireitti che più di una volta ha chiesto interventi radicali su questa specie.

E i cacciatori si mettono a disposizione: i gruppi di caccia “selettori” si mettono a disposizione sebbene lamentino che i tempi per la caccia di selezione siano troppo brevi in alcune zone (in particolare nei “Sic“, siti di interesse comunitario).

La questione è arrivata sula stampa locale ed è stata oggetto di critiche da parte di “Centopercentoanimalisti“.

«I problemi (se ce sono) non si risolvono uccidendo, ma rispettando gli animali e i pochi ambienti dove ancora possono vivere. Quello dei cacciatori è un ragionamento perverso e dannoso. No alla caccia e rispetto per la Natura e per chi ci vive», dicono gli animalisti.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 14 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.