Gli studenti di Cazzago Brabbia sperimentano il metodo BimbiSvegli

Il maestro Giampiero Monaca ha passato un'intera giornata con gli studenti e la loro comunità educante tra lego e ghiacciaie per imparare divertendosi, immersi nella natura

Gli studenti di Cazzago Brabbia sperimentano BimbiSvegli

Imparare osservando e sperimentando all’aperto, in stretto contatto con la natura. È il metodo BimbiSvegli del maestro di Serravalle d’Asti Giampiero Monaca che martedì 26 ottobre ha passato la giornata con i bambini e le maestre della scuola primaria Pascoli di Cazzago Brabbia e Inarzo, per provare con loro il bello di imparare giocando, divertendosi insieme immersi nel suggestivo ambiente naturale del paese, tra lago e ghiacciaie.

Galleria fotografica

Gli studenti di Cazzago Brabbia sperimentano BimbiSvegli 4 di 67

Il maestro Monaca è stato accolto in primissima mattinata dai cori dei bambini a scuola e dopo un breve confronto con i capisquadra dei gruppi in cui erano divisi gli alunni studenti per concordare zone e misure necessarie a creare una grande cartina topografica del territorio esplorato tra scuola e lago. E poi subito fuori, tutti insieme, per iniziare il giochi dell’imparare nelle diverse stazioni sparse per il paese.

C’era chi leggeva libri e giornali nella stazione etica per affrontare temi importanti come immigrazione e disoccupazione. E da qui l’idea di costruire le barchette dell’accoglienza con carta, legno bambù ed elementi naturali (che sono partite poi  sull’acqua) oppure con plastica di riciclo.

Gli studenti di Cazzago Brabbia sperimentano BimbiSvegli

Altri bambini hanno modificato canzoni a tema acqua, filo conduttore della mattinata, e composto poesie, chi in solitaria e chi a quattro mani. Tracce dei loro versi sono rimaste appese agli alberi, per essere condivise con i residenti, inclusa quella composta dalla Darsena caffè (che pure ha aderito all’iniziativa), affidata  a una barchetta di carta.

Particolarmente apprezzati i giochi alle ghiacciaie (stazione ludica), l‘arte di sfilettatura del pesce persico mostrata e insegnata dal Negus Luigi Giorgetti, e l’attività del gruppo libellule, che si è radunato davanti al Rierùn, la tipica imbarcazione del Lago di Varese, con cartine e microscopi per l’analisi delle acque del lago alla ricerca di piombo, altri metalli e agenti chimici. .

A fine giornata il maestro Monaca è tornato a casa con del Persico sfilettato da assaggiare, i bambini con il compito di continuare a misurare Cazzago per completare la cartina fotografica. Sul viso di tutti un grande sorriso e «l’emozione di aver condiviso e allargato il nostro essere comunità educante», ha detto Marzia Giorgetti, coordinatrice della scuola primaria Pascoli ringraziando cittadini, attività commerciali e i sindaci di Cazzago Brabbia che hanno partecipato a questa giornata di scuola speciale sul territorio con BimbiSvegli.

L’approccio reggiano della scuola di Cazzago incontra Bimbisvegli di Serravalle d’Asti

Lidia Romeo
lidiaromeo@gmail.com

Sostieni VareseNews perché diamo spazio a tutti i cittadini, anche i più piccoli, i bambini, che sono il futuro.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Gli studenti di Cazzago Brabbia sperimentano BimbiSvegli 4 di 67

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.