Compie 19 anni la legge che vieta il fumo nei locali pubblici al chiuso

Era il 16 gennaio del 2003 quando fu approvata e il 10 gennaio 2005 quando entrò in vigore

sigaretta fumo

Sono trascorsi esattamente 19 anni – 21, se si considera l’approvazione – dalla promulgazione della legge Sirchia, avvenuta il 16 gennaio 2003 ma entrata in vigore il 10 gennaio 2005.

Questa storica legge, che vietò il consumo di tabacco negli spazi pubblici al chiuso, rappresentò un cambiamento epocale. Anche se oggi è considerato assolutamente normale evitare di fumare in tali luoghi, all’epoca questa pratica era diffusa, consentita nei locali, nei bar e nei ristoranti.

Il provvedimento segnò un significativo passo avanti dal punto di vista culturale, e le statistiche ufficiali testimoniano un calo del numero di fumatori nel corso degli anni.

Nonostante siano trascorsi 19 anni dalla sua introduzione, la legge Sirchia non rappresenta certo il punto di arrivo di un’evoluzione normativa che prosegue ancora oggi. L’attenzione sulla salute pubblica e il costante dibattito sulla regolamentazione del tabacco sono elementi centrali in un percorso di cambiamento normativo in continuo sviluppo.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 10 Gennaio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.