Omicidio di Andrea Bossi, Douglas Carolo interrogato: “Mi aiutava. Perchè ucciderlo?”

Il giovane, in carcere con l'accusa di aver ucciso l'amico insieme a Michele Caglioni, a Cairate è tornato a fornire una sua versione e questa volta ha ricostruito l'intera vicenda: "Non ho parlato per i miei precedenti"

douglas carolo michele caglioni

Douglas Carolo, il 20enne accusato di aver ucciso Andrea Bossi insieme a Michele Caglioni la sera del 26 gennaio scorso nell’abitazione della vittima, ha parlato per 2 ore e mezza davanti al sostituto procuratore Francesca Parola a poco più di un mese dall’arresto. E si è detto, ancora una volta, innocente.

In silenzio per la paura di perdere la messa alla prova

Dai legali Vincenzo Sparaco e Giammatteo Rona, qualcosa di quanto dichiarato dal giovane è trapelato: «Douglas ora è un po’ più sollevato. È rimasto zitto per un mese prima e dopo l’arresto per via dei suoi precedenti e della messa alla prova che scade a maggio e poi ha parlato con gli psicologi del carcere che lo hanno aiutato a mettere ordine nella sua mente per lungo tempo confusa e frastornata».

Il rapporto tra Douglas e Andrea Bossi: i regali, le avances e il pugno

Il ragazzo avrebbe chiarito molto il rapporto con Andrea Bossi sostenendo di essere dispiaciuto per la sua morte poichè erano molto amici e che Bossi provava un sentimento per lui non lesinando regali costosi, prestiti di soldi ed elargizioni di hashish.

Ogni tanto Bossi avrebbe fatto qualche avance, sempre respinte da Douglas, al punto che una sera di novembre dello scorso anno lo avrebbe colpito con un pugno perchè ci avrebbe provato in maniera troppo esplicita, circostanza nota agli inquirenti e che Douglas non ha potuto negare.

Il racconto di quella maledetta sera di gennaio

Douglas ha spiegato anche perchè quella sera è andato da Bossi: sarebbe andato ancora una volta a chiedere soldi perchè doveva restituirli ad altre persone e li aveva chiesti a lui.Ma al pm il giovane di Samarate avrebbe detto che quella sera non ha impugnato lui il coltello (secondo l’autopsia a serramanico) che ha reciso la gola del 26enne di Fagnano Olona. I legali non si spingono a dire se, a questo punto, Douglas avrebbe accusato l’amico dato che è pacifico che quella sera sono le uniche due persone entrate in casa di Andrea ma, escludendo se stesso, non è possibile pensare che abbia indicato qualcun’altro se non Michele Caglioni. Smentite, dunque, anche le minacce a Caglioni e il danneggiamento del portone di casa da parte sua.

L’arma del delitto da cercare nei campi

Infine Carolo avrebbe dato indicazioni su dove potrebbe trovarsi l’arma del delitto sostenendo che non sia stata gettata in un tombino ma si troverebbe nella zona dove stati ritrovati gli altri oggetti. Una circostanza che dovrà essere verificata in maniera approfondita e che, se vera, potrebbe essere l’unico appiglio per il giovane in attesa dei risultati degli accertamenti tecnici sui telefoni e scientifici da parte del Ris.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Pubblicato il 11 Aprile 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Avatar
    Scritto da Felice

    Provo pietà e pena per queste nuove generazioni. Le foto poi sono inquietanti…sembrano delle macchiette di loro stessi.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.