Varese News

fondazione molina

COS’E’
La Fondazione Molina accoglie le persone anziane e fragili del territorio, promuovendo servizi in ambito assistenziale e sanitario.

STORIA
La Fondazione nasce il 27 dicembre 1875 a Varese grazie all’imprenditore Felice Bizzozero che avviò la raccolta di offerte a favore della creazione di un Ricovero di mendicità.
L’attuale sede di Viale Borri 133 risale al 1915 dopo che l’Istituzione, eretta a Ente Morale nel 1876, con la Riforma Statutaria in data 19 maggio 1930, assunse la denominazione di “Casa di Riposo“.
Negli anni ‘50 del secolo scorso, veniva ristrutturata e ampliata la sede dell’Ente, che prese il nome di “Casa di Riposo Paolo e Tito Fratelli Molina“, composto da tre padiglioni: reparti comuni, pensionato e cronicario.
Nel 2014 è diventata Fondazione. Il consiglio di amministrazione è nominato dal Sindaco della città e prevede anche un rappresentante della curia

SERVIZI
Assistenziale (RSA, CDI, ADI, RSA Aperta, Cure Intermedie)
servizi di accoglienza, assistenza sanitaria e sociale agli assistiti, in ambito residenziale, semiresidenziale, domiciliare ed ambulatoriale. 448 posti letto autorizzati ad accogliere ospiti affetti da tutte le patologie croniche e neurovegetative dell’anziano.

Sanitario (Nucleo Cure Subacute, Poliambulatorio) rete di servizi intermedi fra ospedale, domicilio e R.S.A.,

Asilo Nido servizio rivolto al personale della Fondazione Molina nell’ambito della conciliazione famiglia-lavoro.

tutte le info: www.fondazionemolina.it

Aziende

Notizie sponsorizzate

Autotorino Super Sales

Venerdì 12 e sabato 13 luglio Autotorino Mercedes-Benz e Jeep di Induno Olona vi aspetta con tanti promozioni irripetibili per partire in vacanza con un’auto nuova fiammante

Opinioni

Opinioni

Prima gli italiani?

Nessuno dotato di un minimo di buon senso può pensare che non si risolvano problemi enormi che abbiamo di fronte a causa di migranti in balia del Mare Nostrum

Molina commissario Pallino

Varese

Fondazione Molina: Pallino rassegna le dimissioni, ma…

Verificati i curriculum dei nuovi consiglieri di amministrazione, atto necessario per rendere valido il decreto di nomina, è arrivato il momento delle dimissioni del commissario straordinario dell’Istituto, ma non tutto è risolto