Varese News

fondazione molina

COS’E’
La Fondazione Molina accoglie le persone anziane e fragili del territorio, promuovendo servizi in ambito assistenziale e sanitario.

STORIA
La Fondazione nasce il 27 dicembre 1875 a Varese grazie all’imprenditore Felice Bizzozero che avviò la raccolta di offerte a favore della creazione di un Ricovero di mendicità.
L’attuale sede di Viale Borri 133 risale al 1915 dopo che l’Istituzione, eretta a Ente Morale nel 1876, con la Riforma Statutaria in data 19 maggio 1930, assunse la denominazione di “Casa di Riposo“.
Negli anni ‘50 del secolo scorso, veniva ristrutturata e ampliata la sede dell’Ente, che prese il nome di “Casa di Riposo Paolo e Tito Fratelli Molina“, composto da tre padiglioni: reparti comuni, pensionato e cronicario.
Nel 2014 è diventata Fondazione. Il consiglio di amministrazione è nominato dal Sindaco della città e prevede anche un rappresentante della curia

SERVIZI
Assistenziale (RSA, CDI, ADI, RSA Aperta, Cure Intermedie)
servizi di accoglienza, assistenza sanitaria e sociale agli assistiti, in ambito residenziale, semiresidenziale, domiciliare ed ambulatoriale. 448 posti letto autorizzati ad accogliere ospiti affetti da tutte le patologie croniche e neurovegetative dell’anziano.

Sanitario (Nucleo Cure Subacute, Poliambulatorio) rete di servizi intermedi fra ospedale, domicilio e R.S.A.,

Asilo Nido servizio rivolto al personale della Fondazione Molina nell’ambito della conciliazione famiglia-lavoro.

tutte le info: www.fondazionemolina.it

Aziende

Notizie sponsorizzate

TFS Group: packaging, sushi e innovazione continua

La mission di TFS Group, leader nei sistemi di confezionamento primario e secondario, in ambito alimentare, cosmetico, farmaceutico e tecnico, a proprio marchio e conto terzi, si amplia e arriva anche nel mercato alimentare

Opinioni

Come siete strani voi che ci vedete

Crisi di Governo: fare squadra o fare casino?

La rubrica di Daniele Cassioli – In un agosto improvvisamente ravvivato dai cambiamenti dell’Esecutivo, c’è spazio per un parallelismo tra le gare sportive e per l’agone politico. Ma anche per l’Italia del basket