Dopo Voldomino tocca a Creva, “A Luino frazioni dimenticate”

Antonio Azzarito di RedAzione pone il problema di Creva dopo le proteste in consiglio comunale degli abitanti di Voldomino

Mentre il consiglio comunale di settimana prossima si accinge a prendere in mano la questione del quartiere Voldomino, esploso con la protesta dei cittadini durante l’ultimo consesso comunale, interviene nel dibattito Antonio Azzarito di Red-Azione, gruppo politico di sinistra, il quale pone il problema di Creva, altro popoloso quartiere di Luino con alcuni problemi:«Un
tempo sindaco e giunta venivano nei quartieri per comunicare anno dopo anno
cosa prevedeva il bilancio per la zona in questione.
Sparite
le assemblee, sparita l’attenzione per le frazioni Luinesi.
Lungi
da me essere campanilista, ma ritengo sia opportuno denunciare la triste realtà
del quartiere dove abito
– spiega Azzarito – Creva
e Moncucco sono oramai un piccolo paese. Le
loro strade principali sono le prime che si incontrano sul territorio arrivando
dalla Svizzera, e non sono certo un simbolo di benvenuto».


Azzarito si riferisce alle vie principali del quartiere Via
Creva
è da sempre abbandonata, sia per gli avvallamenti in essere, sia per la
mancanza assoluta di marciapiedi a partire dalla sede della croce rossa, sino
in prossimità di Piazza Tolini – continua il rappresentante di RedAzione – via
Turati
è un cantiere aperto da oramai troppo tempo, le nuove costruzioni hanno
aumentato il traffico leggero e pesante sulla strada ed anche qui la messa in
sicurezza della stessa non è presente».

L’unica ad aver visto migliorare la sua sicurezza è via
Cervinia grazie all’intervento della scaletta nella parte
bassa, ma le automobili di passaggio sono così tante che sarebbe opportuno
migliorare la zona in prossimità dell’albergo Miralago in frazione Moncucco. Ma a preoccupare Azzarito è il cuore del quartiere, ovvero piazza Tolini:«La parte più malandata è proprio la più importante. – spiega – Piazza
Tolini è in una condizione vergognosa
. Oramai
la pavimentazione è un misto di pavé ed asfalto tappezzato in stile dalmata.
La presenza di un ufficio postale, un parrucchiere,
un’edicola, un tabaccaio, una gelateria, un paio di negozi commerciali, un
panettiere ed un parco giochi sono la conferma che questa piazza è vissuta
giornalmente da numerosi cittadini, e meriterebbe sicuramente un intervento di
decoro da parte dell’amministrazione comunale».

Insomma, dopo Voldomino, la protesta nelle frazioni si allarga e investe anche Creva. Negli ultimi anni un’intensa edificazione ne sta anche trasformando visivamente il volto con nuovi palazzi che vanno a formare un quartiere nuovo nel quartiere. Questa crescita sta portando ad un aumento del traffico su queste strade spesso sprovviste di protezione per i pedoni.Per questa zona, però, c’è da dire che l’amministrazione ha in serbo un piano viabilistico che andrà a regolare il traffico proprio sulle due arterie principali come via Turati e via Creva che diventeranno a senso unico, una a salire verso Cremenaga e una a scendere verso Luino.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.