Omicidio Sandri, per la procura è omicidio volontario

Continuano le ricostruzioni di quanto accaduto domenica scorsa all’area di servizio Badia al Pino

Solo ‘microformazioni calcaree’ nelle tasche di Gabriele Sandri secondo i legali della famiglia del giovane ucciso da un colpo di pistola domenica scorsa. “Si tratta di sassi atti a offendere”, invece, secondo gli investigatori che stanno seguendo il caso. A neppure una settimana dallo scorso 11 novembre, dove la sparatoria nell’area di servizio Badia al Pino  ha tolto la vita al giovane romano sono ancora diverse le questioni da chiarire.
Sul fronte processuale, intanto, per la procura di Arezzo Luigi Spaccarotella, l’agente della Polstrada che ha sparato, l’accusa è di “omicidio volontario”.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.