Malpensa, Reguzzoni convoca gli Stati Generali della Provincia

Mercoledì 16 gennaio, alle ore 17, un Consiglio Provinciale Aperto nell’aula magna dell’Università Insubria di via Ravasi

«In un momento così delicato per il nostro territorio invito tutti a unirsi per affrontare insieme le difficoltà. Auspico quindi una massiccia partecipazione anche della cittadinanza». Il futuro di Malpensa e il nuovo aumento della tariffe autostradali sono i nodi che il Presidente della Provincia di Varese Marco Reguzzoni vuole affrontare insieme a tutto il territorio. Per questo motivo ha convocato per mercoledì 16 gennaio, alle ore 17, un Consiglio Provinciale Aperto «Stati Generali della Provincia di Varese», all’aula magna dell’Università Insubria di via Ravasi. «Auspico che tutta la nostra provincia sia unita nel chiedere al Governo centrale soluzioni che sappiano tenere conto delle esigenze di un territorio che, numeri alla mano, è uno dei motori principali dell’economia nazionale. A questo punto non sono più in gioco interessi di parte». 

Nel frattempo si muove anche il Consiglio Provinciale. Ieri infatti si è riunita in seduta straordinaria la Commissione capigruppo di Villa Recalcati: «Vista l’urgenza delle tematiche da affrontare ho subito convocato i capigruppo consiliari – ha dichiarato Anna Maria Martelossi, presidente del Consiglio Provinciale – Tutti hanno giudicato in maniera positiva la decisione del Presidente di convocare gli Stati generali. Quello di mercoledì sarà un momento di confronto e dialogo molto importante e anche un modo concreto per dare un segnale. La Provincia di Varese in questo chiede a tutte le istituzione locali, provinciali, regionali e nazionali di confrontarsi per trovare una linea comune in grado di tutelare l’importante patrimonio economico del Varesotto». 

L’invito a partecipare agli Stati Generali è stato esteso a: consiglieri provinciali, tutti i sindaci della provincia di Varese, i parlamentari della Provincia di Varese, i consiglieri regionali della provincia di Varese, Giuseppe Bonomi, Presidente Sea; al presidente Anas, al presidente Società Autostrade; al presidente Ferrovie Nord Milano, al presidente Ferrovie Stato, ai componenti del Tavolo di Concertazione Provinciale, Bruno Amoroso, presidente Camera di Commercio, Michela Graglia, presidente Univa, Franco Colombo, presidente Api, Giorgio Merletti, presidente Confartigianato, Daniele Parolo, presidente Cna. Sono stati invitati a intervenire anche il presidente del Consiglio dei Ministri Romano Prodi; il Ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, il Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi; il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni; il presidente del Consiglio di Stato del Canton Ticino Patrizia Pesenti; il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati; il presidente della Provincia di Como Leonardo Carioni; il presidente della Provincia di Novara Sergio Vedovato, il sindaco di Milano Letizia Moratti, il presidente Enac Vito Reggio; il presidente del Parco del Ticino Milena Bertani; il prefetto della Provincia di Varese Roberto Aragno, le associazioni ambientaliste, tutti i cittadini.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.