Un “pacchetto anticrisi” aggiuntivo da Camera di Commercio

1.200.000 euro in più, rispetto ai fondi già stanziati, varati dalla Giunta per aiutare il sistema economico varesino in un momento di difficoltà

Per aiutare le imprese varesine alle prese con le difficoltà generate dalla crisi finanziaria internazionale, la Giunta della Camera di Commercio ha varato due iniziative sul fronte del credito creando così un “pacchetto anticrisi” del valore complessivo di 1.200.000 euro: risorse che si aggiungono agli interventi d’ordinaria amministrazione, il cui valore viene quindi raddoppiato, e ai 4 milioni di euro già stanziati dall’ente camerale nell’ambito del progetto “Confiducia” promosso da Regione e Unioncamere Lombardia con il contributo della Provincia di Varese.
Entrando nelle decisioni deliberate dalla Giunta di piazza Monte Grappa nella sua seduta di giovedì 2 aprile,  il primo elemento del “pacchetto anticrisi” è relativo all’ulteriore rafforzamento – con 800.000 euro – delle risorse destinate ai Confidi provinciali per facilitare l’accesso al credito delle imprese: «Innalzando la quota delle nostre risorse destinate ai Confidi – sottolinea il presidente Bruno Amoroso (foto) – arriveremo nel corso del 2009 a incrementare in misura considerevole il loro fondo a garanzia dei rischi. Questo intervento straordinario da solo permetterà alle imprese varesine di generare, grazie all’effetto moltiplicatorio delle garanzie, investimenti per oltre 20 milioni di euro. Un circuito virtuoso innescato attraverso i 13 Confidi provinciali che hanno i requisiti per ottenere i contributi della Camera di Commercio».
 
Il secondo elemento del “pacchetto anticrisi” varato dalla Giunta è, invece, il bando per il consolidamento del debito aziendale, con una dotazione di 400.000 euro. Da mercoledì 8 aprile le piccole e medie imprese varesine avranno la possibilità di presentare domanda per “consolidare” le proprie posizioni debitorie nei confronti delle banche – commenta il segretario generale Mauro Temperelli – portandole dal breve al medio-lungo termine, beneficiando di tassi di favore e con un intervento della Camera di Commercio che garantirà alle imprese varesine l’accesso a un contributo diretto fino a 6.000 euro». Anche in questo caso, per l’avvio della pratica, le imprese possono rivolgersi ai Consorzi fidi operanti in provincia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 aprile 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore