Da X-Factor a Solevoci: i Cluster chiudono due giorni di grande musica

Domenica 28 si è chiusa la kermesse dedicata alla musica vocale con le premiazioni dei gruppi, ospiti a livello internazionale e il concerto dei cinque ragazzi genovesi

Si è conclusa con il concerto dei Cluster, gli ex- concorrenti di X-Factor, la due giorni di grande musica che si è tenuta a Varese sabato 27 e domenica 28. La città ha nuovamente ospitato “Solevoci Festival”, la kermesse curata dal presidente Fausto Caravati che per il settimo anno consecutivo ha fatto di Varese la capitale della musica vocale. Cosa che è stata confermata anche dai cinque ragazzi genovesi che puntualmente tornano nella città giardino per esibirsi: «Prima di X-Factor questo festival è stato uno dei pochi che ha potuto ospitare il nostro progetto – spiega Eric, componente del gruppo – E’ diventato un appuntamento fisso per noi, è molto importante».

Erik Bosio (baritono), Nicola Nastos (Tenore, batteria vocale), Luca Moretti (Basso), Letizia Poltini (Soprano) e Liwen Magnatta (Alto) hanno raggiunto la popolarità grazia al programma televisivo ma i loro progetti non si sono fermati li: il 7 luglio uscirà il nuovo progetto discografico “Steps”, hanno realizzato la colonna sonora di un episodio del film “Il cosmo sul comò di Aldo, Giovanni e Giacomo” e sono riconosciuti come uno dei gruppi più amati del genere. Anche il pubblico varesino ha dimostrato di apprezzare il genere, seguendo di minuto in minuto lo show che ha visto standar jazz ma anche una versione a cappella di “Smoke on the water” dei Deep Purple e un omaggio a Michael Jackson, il re del pop recentemente scomparso.
“Solevoci Festival” in due giorni ha visto sul palco dell’ Apollonio oltre 90 artisti da tutto il mondo: sabato con la Beatbox Convention, ovvero concerti e workshop dedicati a coloro che fanno i suoni della batteria con la bocca mentre domenica con Solevoci competition, il concorso tra gruppi vocali e cori provenienti da tutto il mondo. La giornata si è infatti conclusa con le premiazioni ai due gruppi, sui nove in concorso, che più sono stati apprezzati da una giuria. Quest’ultima si è vista composta da nomi di rilievo come Kirby Shaw, Tobias Hug, Kevin Fox, Jale Moulton, Alberto Odona, artisti tra i più grandi a livello internazionale per il genere dalla beatbox e la musica vocale, che insieme hanno deciso di premiare i “Ois Voice!” di Vienna per la categoria “Pop Vocal Ensemble” e il “Coro dei civici corsi di jazz di Milano” per la categoria “Choral pop jazz”. Quattro i premi speciali che sono stati assegnati: il premio per il “brano a più alta votazione” è andato ai “Echos Vocal”, il premio “programma di maggior interesse” al “Coro Viva voce”, il premio “miglior solista” a Selena Zerri del “Coro dei civici corsi di jazz di Milano” mentre il premio miglior direttore se l’è aggiudicato Francesca Martra del “Coro degli amici di giò”. Tanto l’entusiasmo che si è registrato in sala e che dall’inizio alla fine ha visto un pubblico entusiasta che ha saputo riconoscere la bravura dei grandi artisti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 giugno 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore