Rinasce l’ufficio immigrati, anche on-line

Presentate le nuove attività dello sportello che avrà diversi compiti tra cui “promuovere progetti finalizzati all’inclusione degli stranieri nella comunità”

L’ufficio immigrati riapre, anche online. Il Settore Servizi alla Persona, Famiglia e Volontariato Sociale ha organizzato al proprio interno l’Ufficio Cittadini Immigrati con l’obiettivo di «coniugare doveri e diritti, solidarietà e legalità anche promuovendo progetti finalizzati all’inclusione degli stranieri nella comunità saronnese in rete con le Associazioni e il Volontariato – spiegano i responsabili -. Nell’ambito dell’Ufficio Cittadini Immigrati viene attivato un nuovo servizio: lo sportello quesiti on line chiamato “Area Cittadini Immigrati: uno spazio web interattivo dedicatoall’accoglimento e alla risposta diretta delle domande in materia di immigrazione, tramite posta elettronica, che debutterà martedì 16 novembre 2010 sul sito del Comune di Saronno».
 
Secondo l’informativa del comune l’implementazione dello sportello online rientra nelle attività pianificate dall’Ufficio Cittadini Immigrati.
Queste attività sono: informare e orientare la popolazione immigrata sui propri diritti, sulle modalità di accesso ai servizi territoriali (scuola, servizi sanitari, alloggi) integrandosi in rete con gli altri uffici comunali e le altre istituzioni coinvolte; informare e orientare la popolazione immigrata adulta sulle diverse possibilità formative a loro disposizione ( “patto all’integrazione”); fornire assistenza ai soggetti che ne facessero richiesta per il disbrigo di pratiche amministrative o richieste finalizzate al soggiorno regolare dei cittadini presenti in Italia e per le pratiche di ricongiungimento familiare        (“ sportello immigrati”);mettere in rete gliinterventi delle Associazioni, con l’obiettivo di creare una banca dati di tutti gli interventi che i servizi istituzionali e la società civile mettono in campo per favorire l’accoglienza e l’integrazione;promuovere una migliore integrazione della comunità di Sinti Lombardi nella città, con l’obiettivo di garantire il rispetto delle regole per i residenti del campo, favorire la scolarità dei minori, l’inserimento lavorativo degli adulti, il progressivo trasferimento , per quanto possibile, della residenza in alloggi di civile abitazione.
 
«Queste azioni – spiegano dal comune – rientrano in quanto previsto dal programma elettorale della nuova Amministrazione in tema di politiche sull’immigrazione, orientato a favorire la civile convivenza e l’accoglienza dei cittadini stranieri residenti sul territorio comunale, esigendo dagli stessi il rispetto delle regole e dei doveri di ogni cittadino, ma garantendone nel contempo i diritti, in quanto residenti e lavoratori che contribuiscono, versando tasse e contributi, al benessere della collettività».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore