Abbandona rifiuti e amianto nel bosco, denunciato

Si tratta di un imprenditore edile che lo scorso 3 ottobre scaricò del materiale di scarto di lavori nei pressi del cimitero del Comune di Maccagno, nella frazione di Musignano

Ieri i carabinieri della Stazione di Maccagno hanno denunciato a piede libero un 63 enne luinese, ritenuto responsabile dell’abbandono di rifiuti pericolosi.
L’uomo, un imprenditore edile, il 3 ottobre dello scorso anno, per non farsi carico dei necessari oneri di smaltimento, avrebbe scaricato nei pressi del cimitero del Comune di Maccagno, nella frazione di Musignano, del  materiale di scarto di lavori edili, tra cui oggetti in amianto ed eternit.
I carabinieri, avvisati della presenza del materiale, hanno avviato subito le indagini che hanno permesso di raccogliere a carico dell’imprenditore edile indizi di colpevolezza ritenuti "inconfutabili".
In ossequio alla normativa in materia di rifiuti, l’Amministrazione Comunale di Maccagno emetterà un’ordinanza ad hoc, per il ripristino dello stato dei luoghi.
La vicenda si colloca nel contesto di un’intensa attività di tutela del patrimonio ambientale  condotta sia a livello locale, che nazionale, dai Carabinieri .

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.