Balcani e Turchia, la nuova frontiera dell’impresa varesina

Erano una cinquantina gli imprenditori presenti all'incontro, organizzato dalla Camera di Commercio, con i rappresentanti delle camere di commercio di Istanbul, Belgrado, Atene, Salonicco, Sofia e Bucarest . «Il mercato comunitario, da sempre nostro punto di riferimento, non dà più prospettive»

Erano una cinquantina gli imprenditori, per lo più piccoli, presenti a Malpensafiere per cercare di capire le strategie di business possibili con i nuovi mercati dei Balcani e del Mediterraneo. Aziende dell’automotive, della meccanica e metallurgia, ma anche dell’industria del legno e del mobile come pure delle energie rinnovabili. Sono stati quasi tre ore in religioso silenzio ad ascoltare i segretari delle camere di commercio italiane all’estero di Istanbul per la Turchia, Belgrado per la Serbia, Salonicco e Atene per la Grecia, Bucarest per la Romania e Sofia per la Bulgaria.

Libero Marotta della Acm Engineering di Bardello, azienda di 30 dipendenti specializzata nella nella realizzazione di generatori per impianti eolici e di motori per l’automazione industriale e per le vetture elettriche, li considera mercati interessanti. «Gran parte della nostra produzione va già all’estero – spiega Marotta – in particolare in Russia e in Cina. La Turchia in particolare, dove siamo già stati con la Camera di Commercio di Varese, puo’ rappresentare  un’opportunità per molte imprese perché è una porta che si apre su altri mercati».
La Acm Engineering, che recentemente è stata anche in Brasile con una missione organizzata dall’Unione industriali di Varese, ha tra i suoi clienti anche un’azienda svizzera, che però oggi produce in Cina. «Ciò che sta accadendo – continua l’imprenditore – è un’evoluzione della delocalizzazione. L’azienda in questione, una volta arrivata nel nuovo mercato, ha venduto ai cinesi che continuano a fornirsi da noi. La vera questione è che non si puo’ andare all’estero se non si hanno le persone adatte, in questo processo le risorse umane diventano strategiche».
«Noi realizziamo il 95% del nostro fatturato all’estero e siamo sempre alla ricerca di nuovi mercati di sbocco» dice Francesca Rossi della Stella srl di Albizzate, specializzata nel campo dei materiali di consumo per la brasatura e la saldatura. «Il mercato comunitario, che è sempre stato il nostro punto di riferimento, è ormai senza grandi prospettive di crescita. Da qui la necessità di esplorare nuovi ambiti d’interesse, come per esempio quelli che ci propone l’incontro di oggi».

Silvio Carnaghi e Adolfo Sanchez della Space srl
, azienda di Lonate Pozzolo specializzata nella progettazione e fabbricazione di impianti per il raffreddamento e la preparazione delle terre a verde, da molti anni rivolgono la loro attenzione al mercato europeo, in particolare a quello tedesco, spagnolo e francese. «Quello turco – sottolinea Carnaghi – è un mercato che per noi apre prospettive, perché lì ci sono molte fonderie e una forte domanda di prodotti del settore meccanico e metallurgico. È un paese che somiglia molto all’Italia del boom economico: popolazione giovane, voglia di crescere e soprattutto, come ha detto il rappresentante della camera di commercio di Instanbul, la svalutazione della lira turca che aiuta le esportazioni e rende competitivi. Oggi il livello dei prezzi con l’euro è cambiato di un buon 30%».
Laura Marocchi della Meco srl di Gazzada, produttrice di condensatori elettrici, ribadisce che «internazionalizzazione è una parola chiave per noi. Cerchiamo collaborazioni con imprese dei Balcani, un’area cui incominciamo adesso a guardare. Vogliamo aprirci verso di loro tramite distributori perché siamo convinti che il made in Italy sia spendibile in termini di qualità e affidabilità dei nostri prodotti».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 19 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.