Il comitato Acqua Pubblica si appella ai candidati: “Rispettate il referendum”

Nell’appello si chiede l’impegno, nei primi cento giorni di governo della Regione, alla promulgazione di una legge regionale specifica sul governo e la gestione delle risorse idriche e dell’intero ciclo dell’acqua

Il Coordinamento Regionale Lombardo dei Comitati Acqua Pubblica ha lanciato un appello ai candidati Presidente della Regione Lombardia chiedendo il rispetto dell’esito dei referendum del giugno 2011 col quale i cittadini, in grandissima maggioranza, si espressero perchè l’acqua resti o ridiventi pubblica. Davvero. Nell’appello si chiede l’impegno, nei primi cento giorni di governo della Regione, alla promulgazione di una legge regionale specifica sul governo e la gestione delle risorse idriche e dell’intero ciclo dell’acqua, evitando qualsiasi tentativo di mercificazione e di privatizzazione della gestione. Si chiede che il servizio idrico integrato (S.I.I.) venga classificato come un servizio pubblico locale di interesse generale, privo di rilevanza economica e che venga organizzato sulla base di ambiti territoriali ottimali (ATO) corrispondenti ai bacini idrografici.

Si chiede, inoltre, che le province, i Comuni e la Città metropolitana organizzino il S.I.I. affidandone la gestione a soggetti di diritto pubblico, promuovendone la gestione partecipata in un contesto di promozione e di governo dei beni comuni e del vivere insieme.
I candidati e le candidate di Sinistra Ecologia Libertà alle elezioni regionali della provincia di Varese condividono l’appello e chiedono al proprio candidato Presidente Umberto Ambrosoli di sostenerlo.  Questo appello ha tanto più valore nella nostra provincia, dove proprio in questi mesi si sta procedendo all’approvazione del Piano d’Ambito e alla scelta della forma di gestione che noi chiediamo assuma la forma dell’ente di diritto pubblico e non di una società di capitali. Perché solo così l’acqua resterà davvero pubblica, solo così ci saranno trasparenza e controllo, solo così ci sarà partecipazione. Solo così l’esito referendario sarà rispettato. Perché come giustamente scrivono i comitati per l’acqua pubblica, non solo di acqua stiamo parlando. Ma pure di democrazia.

Giulio Cavalli, Maria Bottini, Andrea Bagaglio, Cinzia Colombo, Francesco Liparoti, Marzia Giovannini, Luca Saibene.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.