“Ritirare subito la carta dei servizi cimiteriali”

La presa di posizione del gruppo di minoranza Uboldo Civica sulla gestione da parte di un’impresa del cimitero cittadino

Non è mai bello dire «lo avevamo detto», ma sulla privatizzazione (per 15 anni!) della gestione del cimitero Uboldo Civica lo aveva  proprio detto. Avevamo detto che avrebbe comportato un aumento dei costi e numerosi disagi per i cittadini;  da soli ci eravamo opposti a questo progetto, fortemente voluto dalla Giunta Guzzetti-Galli e dalla loro Lista “Uboldo al Centro”.

Quando il Consiglio Comunale fu chiamato a deliberare, Uboldo Civica (composta da Giovanni Tavecchia e Claudio Pirotta) fu infatti l’unico gruppo a esprimere un voto contrario all’affidamento ad un’azienda privata della gestione del cimitero. Nessuna delle altre opposizioni espresse un voto contrario; non il Centrodestra/Lega Nord, non Uboldo Protagonista.

 

Oggi constatiamo con amarezza che le nostre preoccupazioni si sono avverate. Leggiamo sulla stampa che molti cittadini si lamentano della gestione attuata dalla ****** impresa che si è aggiudicata la gestione del cimitero vincendo la gara alla quale, dopo la rinuncia di due concorrenti, ha partecipato praticamente da sola. Un’impresa che sotto l’Amministrazione Guzzetti ha ottenuto altre importanti commesse pubbliche: l’affidamento senza gara dell’edilizia convenzionata del P. L. 14, la realizzazione della nuova palestra con il ribasso di circa l’1%, il servizio di rimozione dell’amianto (unica partecipante alla gara).

 

La responsabilità di questa situazione non è di *****, ma dell’attuale Amministrazione Guzzetti, che ha concesso a questa impresa la gestione in esclusiva del cimitero.  Sono stati Guzzetti, Galli e “Uboldo al Centro” a voler affidare un servizio pubblico delicato come il cimitero ad un’impresa privata, introducendo la logica del profitto dove non dovrebbe stare. ******* fa quello che un’Amministrazione infantile ed irresponsabile le ha permesso. Queste sono le conseguenze.

Solo pochi giorni fa la Giunta comunale ha approvato la Carta dei servizi cimiteriali, che invece di tutelare i cittadini-utenti assegna alla ******  «l’esecuzione in esclusiva di tutti i servizi e lavori all’interno dell’area cimiteriale»: costruzione di tombe, posa monumenti, ornamenti cimiteriali, manutenzione ordinaria e straordinaria dei manufatti privati, servizi floreali, pulizia e lucidatura periodica dei marmi e dei bronzi decorativi, diserbo dei giardinetti, accensione lumini di cera. Un totale esproprio della libertà dei cittadini nella cura dei loro affetti più cari.

 

Uboldo Civica chiede all’Amministrazione comunale di ritirare con urgenza questa Carta dei servizi cimiteriali e di riscriverla in maniera che sia veramente uno strumento a tutela dei cittadini-utenti. Si chiede altresì di risolvere la situazione insostenibile del cimitero ripristinando una gestione comunale del cimitero.

Amministrare è fatica e responsabilità. Troppo comodo chiedere i voti dei cittadini per poi delegare al privato la gestione dei servizi pubblici; troppo facile pensare solo a organizzare feste e distribuire premi a destra e a manca.

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.