Le banche devono specializzare la qualità dell’offerta

Accademia dei Georgofili, Agriventure e Mediocredito Italiano (Gruppo Intesa Sanpaolo) hanno organizzato al Centro congressi Cariplo un incontro dal titolo: "L’agricoltura e i nuovi programmi di sviluppo rurale 2014-2020”

Il rapporto tra mondo del credito, istituzioni e settore agroalimentare, alla luce delle nuove strategie nazionali e comunitarie per la promozione dei prodotti agricoli negli Stati membri dell’Unione e nei paesi terzi, è stato il tema al centro dell’incontro “L’agricoltura e i nuovi programmi di sviluppo rurale 2014-2020”. Incontro promosso dall’Accademia dei Georgofili, Agriventure e Mediocredito Italiano (Gruppo Intesa Sanpaolo) e tenutosi a Milano, presso il Centro Congressi Cariplo.
In apertura dei lavori Roberto Mazzotta, presidente di Mediocredito Italiano, e Franco
Scaramuzzi, presidente dell’Accademia dei Georgofili, hanno lanciato interessanti spunti di
riflessione sull’evoluzione dei modello di “fare banca” in funzione di una maggiore
specializzazione e qualità dell’offerta e sulle relazioni tra scienza, imprese e finanza per
valorizzare le potenzialità produttive italiane; temi che sono stati ripresi e ampiamenti
approfonditi nelle tavole rotonde che hanno stimolato il confronto fra membri delle
istituzioni ed esponenti del settore bancario e imprenditoriale agroalimentare nazionale.

Su temi quali il pacchetto di misure Ue per lo sviluppo rurale, le risorse finanziarie e sulla
progettualità messa in campo dal Gruppo Intesa Sanpaolo per il settore agroalimentare
nazionale, si sono confrontati Maurizio Martina, ministro delle politiche agricole,
alimentari e forestali, Paolo De Castro, presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo
Rurale presso il Parlamento Europeo, Luca Sani, presidente Commissione Agricoltura
presso la Camera dei Deputati, Federico Vecchioni, presidente Agriventure, Giuseppe
Vegas,
presidente Consob, Roberto Moncalvo, presidente Coldiretti, Franco Verrascina,
presidente Copagri
, Andrea Bressani, direttore generale Mediocredito Italiano, Fabrizio
Nardoni,
coordinatore nazionale Conferenza Stato-Regioni ed Egidio Sardo, direttore
generale Ismea.
«Mondo del credito, istituzioni e sistema imprenditoriale devono fare ciascuno la propria
parte per far uscire il Paese da un lungo periodo di difficoltà – ha dichiarato Roberto
Mazzotta
-. Intesa Sanpaolo ha posto le basi per il superamento del modello di “banca
generalista”
a favore di un approccio al mondo imprenditoriale basato su due pilastri
fondamentali: specializzazione e qualità dell’offerta, da una parte, e ripristino della prossimità territoriale dall’altra. Mediocredito Italiano, il polo della finanza d’impresa del
Gruppo, sta già lavorando in questa direzione in modo da supportare le aziende con
soluzioni specifiche per ogni esigenza di investimento».
«Il mondo finanziario e quello agricolo si incontrano per la prima volta per confrontarsi
concretamente su programmi, risorse, processi di innovazione e specializzazione del credito
– ha sottolineato Federico Vecchioni -. Stiamo assistendo finalmente a una svolta
importante nella relazione tra queste due realtà, un cambio di passo che ha portato
Agriventure ad adottare con decisione un approccio di filiera finanza-agricoltura. Un
modello di servizio che non si basa più su una logica generalista nell’approccio
all’agroalimentare bensì sulla conoscenza e sulla valorizzazione delle specificità del
comparto». 
«Il settore agroalimentare italiano – ha ripreso Andrea Bressani – è cresciuto di oltre il 20% tra 2007 e 2012 sia nei mercati maturi, sia in quelli emergenti e chiede al sistema bancario servizi innovativi e un confronto basato su forti competenze specialistiche. Il Gruppo Intesa Sanpaolo, attraverso Mediocredito Italiano, sostiene già oggi questo settore con oltre 13 miliardi di euro di finanziamenti e investirà ulteriori risorse anche grazie all’impegno di oltre 80 professionisti di Agriventure a questo dedicati».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Giugno 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.