Con Nietzsche l’uomo europeo giunge ad un bivio

“L’ultima aurora. Omaggio a Nietzsche” andrà in scena al Cinema Teatro Nuovo giovedì 7 maggio alle ore 21

nietzsche

Sulla follia di Friedrich Nietzsche si è discusso a lungo. Alcuni l’hanno vista come un epigono della sua stessa filosofia; altri, invece, l’hanno attribuita al terzo ed ultimo stadio di una mal curata sifilide contratta in gioventù. Fatto è che il filosofo ha trascorso gli ultimi anni della sua vita nel buio del pensiero, assistito dalla sorella Elizabeth che ne ha fatto di lui, nel bene e nel male, un filosofo “discusso”, quello della volontà di potenza.

Di lui, e su di lui, si è detto tanto, e tanto si è mistificato. Il filosofo dai mille volti che, ad un certo punto della sua carriera, sceglie l’aforisma come stile comunicativo, è stato interpretato e reinterpretato soprattutto politicamente. Cosa che, probabilmente, non era neanche nelle sue intenzioni. Della sua passione per lo spirito greco, quello eracliteo che tanto ha in comune col pensiero asiatico antecedente al cristianesimo – per esempio il taoismo -, e di cui oggi la nostra società scopre saggezze da noi ancora non comprese.

Della sua attenzione alla musica, quale mezzo elettivo per elevarsi al di sopra della “volontà” schopenhaueriana, il filosofo che ha “importato” la saggezza asiatica in Europa, più volte si perde traccia nelle varie interpretazioni. Ma cosa sarebbe potuto succedere se, libero dalla castrante sorella Elizabeth e dalla sua stessa follia, lo stesso Nietzsche avesse dato libero sfogo ad un improbabile atto di ribellione e dire la sua ultima parola sul suo stesso pensiero? Per farlo, Adriano Gallina e Stefano Panzeri per lo spettacolo “L’ultima aurora. Omaggio a Nietzsche”, in scena al Cinema Teatro Nuovo giovedì 7 maggio alle ore 21, si rifanno alla lucida interpretazione data da Eugene Fink, secondo il quale Nietzsche rappresenta «la spietata ed acuta negazione del passato, il rifiuto di tutte le tradizioni, l’appello ad una svolta radicale» per cui «l’uomo europeo giunge ad un bivio».

 

di
Pubblicato il 05 maggio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore