“No a eventi neofascisti a Saronno, intervenga il Prefetto”

I gruppi di sinistra della città diffondono un comunicato contro alcuni eventi in programma nelle prossime settimane

25 aprile manifestazione giovani antifascisti busto arsizio

Antifascisti e altre associazioni della città sollevano la polemica su alcuni eventi in programma in città nei prossimi giorni. Nel Mirino il concerto dei Malnatt, esponenti della musica RAC, gruppo hammerskin di Varese/Milano «le cui canzoni hanno testi di chiara ispirazione razzista e omofoba» spiegano in un comunicato Sinistra Ecologia e Liberta’ Saronno, Partito della Rifondazione Comunista Saronno, L’Altra Europa con Tsipras, Saronno Tu@Saronno. Ma non solo, la protesta riguarda anche un altro evento: «Il 15 Novembre, presso la struttura comunale “Paladozio”, la manifestazione di arti marziali “The Wolf of the ring”, mascherata come giornata contro la violenza sulle donne».

Il comunicato spiega poi la posizione dei gruppi di sinistra della città: «Come altrove, seguendo una precisa strategia, queste organizzazioni di estrema destra assumono come pretesto iniziative “sociali” o genericamente “ambientaliste” o si travestono da “concerti rock” per insediarsi in nuovi territori. Perché ciò può avvenire oggi a Saronno? Ma soprattutto chi ha concesso per il 15 Novembre l’uso di una struttura pubblica, qual è il Paladozio? Senz’altro per la “distrazione” delle autorità preposte a far rispettare la Costituzione».

«Le forze politiche democratiche di Saronno ribadiscono la propria preoccupazione per l’indebolimento del tessuto democratico saronnese, preannunciato dalla massiccia astensione nelle ultime elezioni comunali e dalla presenza, nelle stesse elezioni, di diverse formazioni di ispirazione neo-fascista – concludono -; preoccupazione sottolineata oggi dal silenzio di molti. Denunciano la complicità di parte dell’attuale Amministrazione Comunale nel concedere oggi spazio alle organizzazioni neo-fasciste. Denunciano il pericolo nel permettere tali raduni a poche decine di metri dalla Camera del Lavoro di Saronno e dalla stesa sede ANPI, obiettivi da sempre sensibili per le formazioni hammerskin. Invitano tutti i cittadini democratici a tenere alta la vigilanza, invita le Istituzioni, a partire dal Prefetto, le forze dell’ordine a rispettare e far rispettare la Costituzione in tutte le sue parti. Aderiscono all’invito lanciato da ANPI Saronno e dagli antifascisti saronnesi a riunirsi martedì 6 ottobre alle 21 alla Casa del Partigiano di via Maestri del Lavoro, per decidere insieme come contrastare la violazione della Costituzione antifascista rappresentata da queste presenze».

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 02 ottobre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore