Scissione in Forza Italia, nasce una nuova Dc

Alcuni dirigenti dei berlusconiani si uniscono all'Udc e ad altri ex forzisti e fondano "I Bavaresi". "Siamo antirenziani, nel centrodestra e sosterremo Malerba"

Varese attiva

Forza Italia perde un pezzo, e nasce una nuova Dc nel centrodestra. La politica cittadina, all’improvviso accelera. A Varese si torna a parlare di “cosa” bianca, cattolica e radicata nel centrodestra. Di più: antirenziana.  Lo dicono, senza mezzi termini, i promotori, esponenti dei partiti moderati che stanno lasciando Berlusconi per avvicinarsi con un proprio contenitore politico all’alleanza con la Lega Nord, rivendicando peraltro la continuità con la giunta di centrodestra guidata dal leghista Attilio Fontana. 

CSU BAVARESE

Il documento ufficiale sembra uscito da piazza del Gesù, sede storica della Dc di un tempo: parla di «movimento politico di centro che incarni un antirenzismo bianco di ispirazione cattolico liberale e che si ponga come alternativo alla concezione cattoleninista del partito renziano ed al suo centralismo democratico». Parole antiche, un po’ barocche, ma per dire una cosa nuova: Forza Italia sta perdendo colpi, in molti si stanno riorganizzando per il futuro. Inizia la diaspora e allora via con una forza locale neo democristiana.  Il movimento si chiamerà Varese Attiva, o anche “I Bavaresi”. (Varese Attiva era già l’associazione dell’Udc)

PEZZI DI PARTITI

La Dc “bavaresina” non sarà formata da tedeschi sconosciuti, con boccale di birra e in calzoni corti, ma da gente, politici navigati, che tutti conoscono bene. Una parte di Forza Italia si stacca dal partito e in particolare il vice coordinatore provinciale ed ex vicesindaco Gianpaolo Ermolli, insieme al capogruppo in consiglio comunale a Varese, Ciro Grassia.  Si uniscono agli esponenti dell’Udc di Christian Campiotti, del vicesindaco Mauro Morello, e a pezzi di Ncd rientrati in maggioranza.

Un’altra conseguenza importante è che in consiglio comunale, martedì sera, nascerà un nuovo gruppo, dalla scissione di “Liberi per Varese”, a sua volta gruppo nato per guardare oltre Forza Italia e proiettarsi nel post Berlusconi, che comprendeva Forza Italia, Udc ed ex Ncd. Secondo “i Bavaresi”, la scelta di Forza Italia di organizzare un congresso di partito senza di loro è stata la causa della deflagrazione, ma appare più che altro un pretesto. Il gruppo si chiamerà “Varese attiva” e sarà composto da Ciro Grassia (ex Forza Italia), Ennio Imperatore (Udc), Simone Malnati (Udc) Mauro Pramaggiore (ex Ncd). In giunta sarà rappresentato dall’assessore Enrico Angelini (Ex ncd ed ex Forza Italia) e dal vicesindaco Mauro Morello (Udc).

I BAVARESI SOSTERRANNO STEFANO MALERBA

«Guardiamo con interesse alla candidatura civica espressa dalla Lega Nord, quella di Stefano Malerba – spiega Cristian Campiotti, leader locale dell’Udc e presidente della casa di riposo Fondazione Molina – noi intendiamo far nascere una lista civica».

La lista nasce con l’obiettivo chiarissimo di sostenere il presidente del rugby Varese Stefano Malerba alla poltrona di sindaco. Lo dice senza mezzi termini Christian Campiotti dell’Udc. «Noi puntiamo tutto su Malerba, perchè la candidatura civica ci piace e perchè l’uomo ha tutti i connotati per vincere».

 

 

 

Roberto Rotondo
roberto.rotondo@varesenews.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 24 Novembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.