Filmstudio’90 compie 25 anni e fa festa

L'associazione culturale varesina festeggia l'importante traguardo sabato 5 dicembre con una serata di eventi. "

Cinema

Filmstudio’90 compie 25 anni. L’associazione culturale varesina sabato 5 dicembre organizza una serata di iniziative per festeggiare l’importante traguardo. Nata nel 1990, oggi è una delle realtà culturali più solide della provincia, vanta un curriculum d’eccezione e soprattutto ha una storia interessante da raccontare.

Partiamo dall’inizio. Il 5 dicembre del 1990 cinque amici fondano l’associazione con un obbiettivo: promuovere il cinema di qualità. I fantastici cinque rispondono al nome di Giulio Rossini, Maurizio Masieri, Ida Sandrini, Patrizia Sandrini e Mary Ussi. Gli esordi del gruppo sono le rassegne cinematografiche con l’Arci, ma ben presto vedono aprirsi nuovi spazi perché il grande schermo scatena passione e anche partecipazione da parte del pubblico che di fatto chiede più occasioni di cinema, come conferma lo stesso Giulio Rossini. «Il Cinema Centrale d’Essai aveva chiuso i battenti e la rassegna della domenica mattina, molto seguita, proposta dall’Università popolare era finita. Si era creato quindi un vuoto che Filmstudio ha colmato con una proposta di qualità».

L’associazione nel frattempo stabilisce il suo quartier generale all’Enaip di via Uberti e dopo un anno e mezzo trova casa definitivamente nel circolo di via De Cristoforis nel quartiere di Biumo Inferiore, in coabitazione con il salone dell’Anpi. È il 1993 e Varese ha il suo primo cineclub stabile. Una conquista importante per una città che ha sempre manifestato grande attenzione per il cinema, come testimoniano le 8 sale aperte ai tempi in cui non esisteva ancora la pay tv.

Da allora la storia di Filmstudio’90 è un susseguirsi di proposte culturali anche d’avanguardia, come le proiezioni con accompagnamento musicale dal vivo, le rassegne in lingua originale o quelle dedicate al documentario naturalistico, incontri ed eventi, dove il cinema è solo lo spunto per addentrarsi in percorsi tematici attuali, spesso con ospiti importanti (elencarli tutti sarebbe impossibile).

«Guardando indietro sono piacevolmente stupito che questa impresa sia continuata così a lungo – continua Rossini -. Vuol dire che siamo partiti con l’idea giusta nel momento giusto. Abbiamo raccolto subito parecchi consensi ma anche le risorse necessarie per investire in un settore di cui Varese aveva bisogno».

Il segreto di Filmstudio’90 è l’aver saputo cogliere gli stimoli che arrivavano dalla parte più viva della città. Nascono così le rassegne “Un posto nel mondo” e “Di Terra e di Cielo” e l’immancabile cinema all’aperto durante l’estate e i cineforum, replicati in molte località della provincia grazie anche al contributo di una rete di veri appassionati.

Un percorso importante quello di Filmstudio’90, anche se non sempre facile. «La nostra missione non è mai cambiata ma negli anni, la burocrazia e le incombenze, ci hanno costretto a creare una struttura più stabile, come qualsiasi ditta che lavora a livello culturale. Questo prevede la necessità di sostentamento e quindi la ricerca di fondi, la partecipazione a bandi e altro. Non è sempre facile ma il nostro è un lavoro che si fa per passione».

E per tener fede a questa grande tradizione, le novità continueranno anche in occasione della festa di sabato 5 dicembre perché in quell’occasione verrà inaugurata la nuova cineteca – con più di mille dvd a disposizione tra film e documentari, un patrimonio culturale a disposizione della città. «Con 300  proposte l’anno tra film, documentari e cortometraggi (in Italia escono circa 400 film all’anno ndr) sottolinea Rossini Varese può dire di avere una grande offerta. Abbiamo la rivista online Cinequanon, facciamo corsi, interventi nelle scuole, iniziative e molto altro. Abbiamo investito a 360 gradi e continuiamo a farlo».

Il programma della serata di sabato parte alle 18 e 30 alla Sala Filmstudio’90 con l’incontro “Quando il cinema era a 35 mm: accoglienza con proiezione di trailer rigorosamente in pellicola, per 25 anni di sogni insieme”.

A seguire inaugurazione del cineCEDOCvarese, la nuova cineteca. Inoltre, presentazione tessera Gold e campagna tesseramento 2016. Alle 20, al Teatro Cantina, buffet e musica dal vivo con un gruppo esplosivo. Alle 21 proiezione cortometraggi comici da Meliés a Keaton, da Chaplin a Lloyd, con giochi cinematografici a premi. Alle 21, Sala Filmstudio 90, Proiezione film in prima visione: Dio esiste e vive a Bruxelles (€ 6,00).

Alle 23 al Teatro Cantina taglio della torta e musica dal vivo con i Those e brindisi con le bollicine.

Adelia Brigo
adelia.brigo@varesenews.it

Raccontare il territorio è la nostra missione. Lo facciamo con serietà e attenzione verso i lettori. Aiutaci a far crescere il nostro progetto.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Dicembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.