Maglia danneggiata, multa-beffa per la Pallacanestro Varese

Dal giudice sportivo 750 euro di ammenda. Ferraiuolo: «Divisa rovinata, ma abbiamo avuto il via libera degli arbitri». Botta alla mano per Davies

Openjobmetis Varese Misnk fiba cup

Oltre al danno, la multa. La trasferta di Venezia non poteva che concludersi peggio per la Pallacanestro Varese che non ha solo rimediato una sonora e inquietante sconfitta sul campo di gioco (84-58 – ne parliamo QUI) ma che si è pure vista recapitare un’ammenda salata dal giudice sportivo, per di più con una motivazione inusuale come potete leggere qui sotto.

OPENJOBMETIS VARESE ammenda di Euro 750,00 poiché un giocatore indossava una maglia diversa dal resto della squadra.

Alla pubblicazione dei provvedimenti si è ovviamente scatenata sul web una lunga catena di frasi ironiche, e d’altra parte in tanti anni di basket non era forse mai capitato di leggere una frase del genere nel report settimanale degli organi di giustizia.

A spiegare l’accaduto ci pensa ora Max Ferraiuolo, il team manager biancorosso, in panchina con la squadra al “Taliercio”. «Sono rimasto stupito anche io nel leggere della multa – dice Max – È accaduto che durante il viaggio verso Venezia una divisa, quella di Varanauskas (foto in alto), si è danneggiata, rovinandosi all’altezza del marchio dello sponsor. Al momento del riconoscimento prima della partita abbiamo fatto presente agli arbitri il problema e da parte loro c’è stato il via libera per fare indossare a Ovidijus la maglia numero 15 di Manuel Rossi, e per dare a quest’ultimo (che non è entrato in campo durante la partita ndr) una canotta d’allenamento con gli stessi colori ma leggermente diversa. Avendo avvisato i direttori di gara e ricevuto il loro ok, non pensavamo certo che arrivasse questa sanzione che invece il giudice sportivo ha voluto decretare».

L’obiezione che abbiamo rivolto a Ferraiuolo riguarda il fatto che la squadra avesse con sé una sola muta di maglie da gara. «In realtà, questa è la prassi – spiega il dirigente – perché sappiamo già quale colore indossare prima della partenza. Di solito in trasferta si usa la maglia colorata, nel nostro caso quella rossa, ma a Venezia la Reyer utilizza quelle granata decorate in oro e quindi noi avevamo quella bianca. E dico la verità, in tanti anni di basket non mi era mai capitata una situazione come quella di domenica».

MERCOLEDÌ C’È CREMONA – La Openjobmetis intanto deve pensare subito al prossimo impegno: mercoledì sera (23 dicembre, ore 20,30) a Masnago arriva la Vanoli Cremona, a sorpresa in testa alla Serie A insieme a Milano e Reggio Emilia. Unica preoccupazione, a livello fisico, riguarda Brandon Davies che a Venezia ha subito un forte colpo a una mano e che quindi si deve sottoporre a una lastra di controllo. Però, a quanto pare, il pivot dovrebbe essere della partita in cui sfiderà il pari ruolo della nazionale, Marco Cusin.

LEGGI ANCHELa Lettera«Io, tifoso dall’Umbria, mi sento tradito da questa Pallacanestro Varese»

Damiano Franzetti
damiano.franzetti@varesenews.it

VareseNews è da anni una realtà editoriale, culturale e sociale fondamentale per il territorio. Ora hai uno strumento per sostenerci: unisciti alla membership, diventa uno di noi.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Dicembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.