“Lo aspettiamo per festeggiare insieme la vittoria di Sanremo”

Carlo Marcellini, presidente del circolo di Casbeno, ha organizzato una festa per Fabio Ilacqua, il varesino autore del brano "Amen"

Musica Generica

“Lo aspettiamo per festeggiare tutti insieme”. Carlo Marcellini è il presidente del Circolo di Casbeno e ha organizzato per mercoledì sera un ritrovo tra amici per brindare alla vittoria sanremese di Fabio Ilacqua. Lo scrittore varesino infatti, è l’autore di “Amen” la canzone cantata da Francesco Gabbani che ieri sera ha vinto il premio delle “Nuove Proposte 2016”. 

“Fabio è un frequentatore abituale del Circolo e siamo molto felici di questa vittoria. Abbiamo sempre tifato per lui. Gli ho chiesto di portare anche Francesco Gabbani ma non so se sarà possibile”.  La canzone scritta da Fabio Ilacqua per il cantane toscano è contenuta nell’album “Eternamente Ora” e ha vinto anche il premio della critica. “So che questa mattina Fabio è partito per Sanremo”. 

Le notizie sull’artista varesino non sono molte e non ha un cellulare sul quale poterlo raggiunge. “Il suo pregio e il suo difetto è quello di essere una persona semplice e riservata”. Oltre alla passione per la musica e la scrittura, Fabio Ilacqua ama dipingere. Su Facebook c’è un pagina dedicata proprio alle sue opere d’arte. 

Nel 2007 Fabio aveva vinto un prestigioso premio musicale, quello di Musicultura, dedicando pezzo poetico alla sua città, Varese, intitolato La Città Giardino.

di adelia.brigo@varesenews.it
Pubblicato il 13 febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore