Moretti: “Tutto ancora aperto per la qualificazione”

Il coach e Cavaliero avvertono: "A Varese sarà una battaglia. Il Benfica è una squadra molto solida". Voti: premiati i guizzi di Eyenga, Kangur invece è ancora fuori condizione

openjobmetis benfica

Soddisfatto senza eccessi, coach Paolo Moretti, nel dopo gara di Lisbona. «La cosa che più conta è che abbiamo resistito a un urto notevole da parte di una squadra solida e ben organizzata come il Benfica – spiega l’allenatore – Dopo il primo quarto, complicato, abbiamo registrato la difesa, subito di meno e siamo tornati in parte a controllare in rimbalzi. Sono state invece ancora troppe le palle perse perse, e così l’abbiamo vinta facendo grande fatica». Prosegue poi il tecnico toscano: «Potevamo gestire meglio il finale ma alcuni giocatori sono arrivati stanchi. Sono contento di aver vinto una partita così tosta e dura: la squadra è riuscita a essere competitiva, e questa è la nota positiva. Quella negativa è che la qualificazione è ancora tutta da giocare».

Sulla stessa falsariga il commento di capitan Daniele Cavaliero: «Come ci aspettavamo, è stata una partita tosta contro un’avversaria fisica. Siamo migliorati dopo una primo quarto con troppi punti subiti. Vincere comunque è sempre meglio anche se di soli 3 punti, ma a Varese sarà una battaglia».

PAGELLE

ANOSIKE 6,5 – Primo tempo da dimenticare, poi però cambia volto alla gara crescendo di tono a rimbalzo. Cifre non eccelse, ma la sensazione è che senza il suo lavoro Varese sarebbe colata a picco.

MAYNOR 6,5 – La difesa è un optional quasi mai considerato. Dall’altra parte però, pur al ralenty, trova soluzioni di continuo per sé e per gli altri.

AVRAMOVIC 5 – Si presenta con un bel canestro, lampo che resterà isolato perché i suoi passaggi in campo non lasciano il segno. E Moretti decide di puntare su Bulleri.

PELLE 5 (IL PEGGIORE) – Di fronte non ha fenomeni ma gente abbastanza scafata per depotenziare i suoi garretti.

BULLERI 6,5 – Sornione, aspetta il momento in cui la palla scotta per fare le cose migliori. Cinque punti in fila, il break vincente è suo.

CAVALIERO 6 – In bilico a lungo a cavallo della sufficienza, riempie il suo 6 con un paio di giocate importanti nel quarto finale.

CAMPANI 6,5 – Penalizzato da arbitri a tratti grotteschi, nei primi 25′ di partita è una sicurezza per Varese. Cala però alla distanza.

KANGUR 5 – I due liberi nel finale non cancellano una partita abulica, fatta di tiri rifiutati in attacco e di una presenza difensiva quasi mai del livello di cui è capace.

FERRERO 5 – Entra, non riesce ad eseguire, fa infuriare Moretti, esce.

EYENGA 7 (IL MIGLIORE) – Non siamo del tutto concordi con il voto dei nostri lettori nel dopogara, perché il match del congolese ha anche alcuni “bassi”. Dalla sua però Eyenga ha quel sontuoso primo periodo in attacco e altre piccole perle disseminate qua e là: ci adeguiamo al voto popolare.

JOHNSON 7 – Ci sbilanciamo con un voto alto perché le note positive sono superiori a quelle negative. La facilità di andare a segno o comunque di provarci è un buon biglietto da visita, anche se là dietro deve ancora imparare tantissimo.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 28 settembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore