Umberto Gandini lascia il Milan dopo 23 anni

Nato e cresciuto a Varese, ex dirigente Mediaset, Gandini è arrivato al Milan nel 1993 e ha lavorato a lungo come braccio destro di Adriano Galliani. Alla Roma avrà un ruolo da dirigente

Milan

Dopo una vita in rossonero, il “ministro degli esteri” del Milan Umberto Gandini lascia Milano e va alla Roma.

Lo annuncia con un comunicato ufficiale la società appena passata da Berlusconi alla nuova proprietà cinese:

Dopo 23 anni di Milan, Umberto Gandini ci lascia. È legittimo, caro Umberto, che tu abbia maturato il desiderio di misurarti in un nuovo contesto, ma sappi che lasci qui un gran rimpianto e tanto affetto: è ciò che, al di là perfino dei tuoi indiscutibili valori professionali, resterà per sempre nel cuore di tutti noi.

Nato e cresciuto a Varese, ex dirigente Mediaset, Gandini è arrivato al Milan nel 1993 e ha lavorato a lungo come braccio destro di Adriano Galliani. Alla Roma avrà un ruolo da dirigente, probabilmente sarà il nuovo amministratore delegato da metà settembre.

Gandini è anche vice presidente della ECA (European Club Association) e fa parte del consiglio strategico della UEFA.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 07 Settembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.