Laborplast, l’impresa che da tre generazione fa rivivere la plastica

Nata nel 1958 dai fratelli Pariani, la società ha 36 dipendenti e crescerà nel 2017. A visitarla per il PmiDay di Univa la scuola Vidoletti di Varese

Tre generazioni fianco a fianco, ogni giorno, nell’impresa di famiglia. I nonni, fondatori nel 1958, i figli e i nipoti (il più “anziano” nato nel 1990). Proprio a loro, i più giovani, mercoledì mattina è stato affidato il compito di raccontare come nasce, cosa fa e dove vuole andare LaborPlast agli studenti della 3C della scuola media Vidoletti di Varese. La visita rientra nel progetto PmiDay di Univa, associazione degli industriali di Varese.

Galleria fotografica

PmiDay alla Laborplast di Busto Arsizio 4 di 28

Nata nel 1958 come “Fratelli Pariani” in un capannone di 60mq a Sacconago, frazione di Busto Arsizio, nel 1973 è diventata Laborplast. Con il crescere dell’attività, si è reso necessario un trasloco a Bienate, ma anche li lo spazio ha iniziato a scarseggiare. «Nel 2013 – raccontano Alessio e Mattia Pariani, terza generazione al lavoro insieme a Francesca, Nicolò e Davide – ci siamo trasferiti in questi nuovi spazi nell’area industriale di Sacconago. Si tratta di un’area di 10.000mq di cui 4.000 adibiti a capannoni». Ma la Laborplast, leader nazionale nella lavorazione di pvc da materiale riciclato, non sembra intenzionata a fermarsi.

«Vogliamo espanderci e abbiamo già in programma di acquistare un terreno di 9.000 mq». Una crescita che non vuole limitarsi alla produzione e all’allargamento dei capannoni. L’azienda oggi conta 36 dipendenti, ma la previsione è di arrivare a 40 nel 2017.

Sono pochissime le realtà imprenditoriali come la Laborplast in Italia. Fin dalla fondazione, la società si è concentrata sull’eco-sostenibilità e sul rispetto dell’ambiente secondo un principio semplice: “dove finisce tutta la pastica che viene prodotta?”.
I fratelli Pariani si sono quindi specializzati nella produzione di granuli e tubi con materiali riciclati che, oltre ad avere caratteristiche simili al pvc vergine, offrono un buon rapporto qualità/prezzo. Il mercato di riferimento dell’impresa bustocca è sia nazionale che estero, con una nave in partenza per l’Africa proprio in questi giorni.

«Il prossimo obiettivo – conclude Mattia – è quello di allestire in azienda un laboratorio per testare i prodotti. Oggi i test vengono effettuati da società esterne, ma entro febbraio speriamo di acquistare due macchine per farli direttamente noi. Questo consentirà a noi più autonomia e sarà garanzia di maggior controllo per i clienti».

 

Valeria Vercelloni
valeria.vercelloni@varesenews.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Novembre 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

PmiDay alla Laborplast di Busto Arsizio 4 di 28

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.