Una giornata per scoprire l’ economia circolare

E’ lo scopo della giornata internazionale di studio che organizza Coinger il 2 dicembre all’hotel Palace

eventi Varese

Per ridurre in maniera davvero significativa il carico dei rifiuti, il concetto di economia circolare è importante: un’economia dove nessun prodotto si disperde, e tutto ridiventa qualcos’altro.

Un’utopia? Non del tutto, tanto che sempre più studiosi e ambientalisti cominciano a farla propria e a cercare metodi di applicazione. Anche in provincia ci si prova: sia dal punto di vista delle buone pratiche, sia nel procedere alla riflessione.

Ed è proprio sul tema dell’economia circolare che Coinger ha organizzato una giornata di studio per il 2 dicembre prossimo all’Hotel Palace. Il consorzio di raccolta differenziata, che all’economia circolare ha dedicato la propria organizzazione del lavoro, ha deciso di radunare esperti e amministratori di tutta Europa per confrontarsi sullo stato dell’arte di questa teoria nell’incontro
L’Europa del riciclo: sistemi a confronto”.

Nel convegno che Coinger promuove e organizza al Grand Hotel Palace, si vuole innanzitutto fare il punto sulla gestione dei rifiuti in ambito europeo: un’occasione per divulgare le principali scelte strategiche che, a livello nazionale ed europeo, sono state adottate per la raccolta, lo stoccaggio e lo smaltimento dei rifiuti urbani.

I relatori che Coinger coinvolgerà saranno esperti del settore, provenienti da diversi paesi della Comunità Europea: i quali presenteranno, nel corso della giornata, le migliori pratiche messe in campo in ambito comunitario.

«L’economia circolare è un tema che riguarda ambiente, economia e enti pubblici. Ma è rivolto, alla fine, all’interesse del fruitore ultimo, il cittadino utente – Spiega il presidente Coinger, Giorgio Ginelli – Coinger ha voluto portare la propria esperienza a confronto con le esperienze a livello europeo, per arrivare a una maggiore consapevolezza di quello che si fa. Per questo ci siamo rivolti a esperienze a livello europeo, tecnici di provata fama, E’ giusto che questa esperienza, che è un’eccellenza a Varese e non solo, faccia da traino ad altri contenuti».

«Il nostro compito, come società pubblica, è quello di informare i cittadini sulle tematiche dei rifiuti – aggiunge Fabrizio Taricco, Amministratore unico – E ci sembrava giusto utilizzare il mezzo del confronto con le tematiche europee. Quella del 2 sarà una giornata piena, densa di contenuti. Relazioni che affrontano la normativa in questo settore, complessa e sottoposta a continue variazioni. Si affronterà il tema zero rifiuti per il 2020, un obiettivo ambizioso ma possibile. Si potrà ascoltare l’esperienza della Catalogna, Spagna,. Si palerà di tariffa puntuale, con esperti importanti del settore, e non mancheranno le esperienze di Legambiente».

Il pomeriggio sarà dedicato alla tavola rotonda, sul tema dell’economia circolare, con rappresentanti politici italiani ed esteri, come tra cui l’europarlamentare Simona Bonafè e la deputata Maria Chiara Gadda. Ma ci saranno anche i rappresentanti delle aziende e delle istituzioni: con, tra gli altri, Comieco, Anci Lombardia, Legambiente, Utilitalia. «E’ però una giornata non dedicata solo ai tecnici ma ai cittadini, perchè pensiamo che tale argomento sia patrimonio di tutti».

Un convegno necessario, perchè: «Bisogna definire un modello minimo di efficienza, per creare uno standard qualitativo per il territorio – sottolinea Paride Magnoni, direttore della società – Una riflessione che a noi serve anche per evidenziare le peculiarità del modello Coinger: il nostro modello punta al recupero della materia, è un modello seguito anche da altre realtà ed è basato proprio sull’ Economia circolare: che significa, nei fatti  recuperare tutto quello che viene immesso nel mercato, per rendere più efficiente il sistema».

L’appuntamento è all’Hotel Palace Giovedì 2 dicembre, a partire dalle 9: l’ingresso è libero, ma è gradita l’iscrizione entro il 25 Novembre 2016, sino al raggiungimento dei posti disponibili. Il link per  iscriversi.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 16 novembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore