Dogane chiuse, mozione urgente in Provincia

Il capogruppo e i consiglieri di maggioranza chiedono tutela per i frontalieri e cooperazione tra autorità italiane e svizzere per evitare altre situazioni simili

Lavena Ponte Tresa Dogana

«Con questa mozione intendiamo esprimere la vicinanza del consiglio provinciale ai nostri lavoratori frontalieri, agli amministratori locali e alle forze di polizia. Comprendiamo la necessità della Polizia ticinese di intervenire a tutela della sicurezza, ma vogliamo richiamare tutti a mettere in campo azioni che abbiano una giusta misura, per evitare che si ripercuotano sui lavoratori e che diventino occasione di strumentalizzazione da parte di vuole sabotare i buoni e storici rapporti di amicizia tra la Svizzera e l’Italia. Questo è il momento di costruire ponti».

Con queste parole, il Consigliere provinciale e capogruppo di maggioranza Paolo Bertocchi spiega la mozione urgente relativa all’episodio dei valichi chiusi presentata insieme ai consiglieri Marco Magrini, Cristina Riva,Carmelo Lauricella, Giuseppe Licata, Valerio Mariani, Luca Paris e Davide Tamborini.

«Il documento – spiega ancora Bertocchi – vuole essere un atto concreto di solidarietà ai lavoratori frontalieri, che l’altro giorno hanno subito pesanti disagi ai valichi a causa della loro chiusura; agli amministratori locali e alle forze di polizia italiane, le quali hanno dovuto fronteggiare una delicata situazione imprevista di ordine pubblico. E anche un auspicio affinché tutte le decisioni che riguardino la sicurezza dei cittadini italiani e svizzeri tornino ad essere prese nei luoghi istituzionali e operativi di concertazione senza creare un danno alla libera circolazione dei lavoratori».

«In Consiglio provinciale – conclude il capogruppo di maggioranza in Consiglio provinciale – chiederemo al Presidente Gunnar Vincenzi di trasmettere quanto deliberato al Ministero degli Esteri, al Ministero dell’Interno e a Regione Lombardia, affinché, ciascuno per la propria competenza, esercitino tutte le azioni necessarie per tutelare i nostri lavoratori e le amministrazioni di frontiera e continuino a operare per mantenere solidi e leali rapporti di cooperazione con la Confederazione Elvetica e il Canton Ticino».

La mozione dovrebbe essere discussa già nella seduta del Consiglio provinciale prevista prima di Natale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore